Debbie Reason è una donna di 48 anni, viene da Warrington, in Inghilterra, e la sua infanzia non è stata semplice. Sua mamma era obesa ed era ossessionata dalla paura di perdere peso e di diventare anoressica. Ha dunque spinto la figlia a mangiare in modo incontrollabile, consumando pasti grassi e poco sani per intere giornate, fino a farla arrivare a 290 chili.

Debbie, essendo solo una ragazzina, non era in grado di ribellarsi ma, con il passare del tempo, per lei è stato sempre più difficile riuscire a portare a termine da sola delle semplici attività quotidiane come scendere le scale o alzarsi del letto. E' stato solo dopo i 30 anni che la donna ha capito di avere un problema. La sua vita non poteva andare avanti così, se avesse continuato a mangiare a dismisura, sarebbe morta di lì a pochi anni. Complice una promessa fatta al padre prima che questo perdesse la vita, Debbie ha dunque deciso di sottoporsi a interventi chirurgici e liposuzione senza però chiedere il consenso alla mamma.

Pochi mesi dopo aver fatto questa scelta, anche quest'ultima ha perso la vita, ormai provata dall'obesità. Convinta di non voler fare la stessa fine della mamma, Debbie è andata sotto i ferri senza ripensarci neppure per un istante. "Non rimprovero mia madre, ma la sua morte per me è stata la mia salvezza", ha spiegato la donna. Oggi, ha 48 anni e ha perso oltre 200 chili ma è rimasta con il corpo ricoperto di pelle in eccesso. A questo punto, cerca 60.000 sterline per ricorrere a un ennesimo intervento. Solo quando non avrà più la pelle flaccida, l'obesità sarà per lei solo un lontano ricordo.