I Grassley sono una famiglia di Spanish Fork, nello Utah, e la loro storia è assurda. Di recente, al termine di un taglio cesareo perfettamente riuscito, sono diventati genitori per la seconda volta e hanno chiesto subito di poter stringere tra le braccia il piccolo Samuel. Quel momento è stato così emozionante che Ryan, il papà, non ha potuto fare a meno di scattare qualche foto, peccato solo che qualche giorno dopo sia arrivato a casa uno strano conto da pagare a casa. L'ospedale aveva addebitato allo coppia una spesa da 39.35 dollari per aver richiesto di abbracciare il proprio figlio.

Dopo essere rimasti sconvolti e spiazzati, i coniugi hanno deciso di condividere la loro storia sui social. "Ho pensato di mettere il conto dell’ospedale su Reddit perché mi sembra una situazione comica", ha spiegato il neopapà. L'assurdità della situazione ha colpito così tanto gli utenti del web che il racconto dei due genitori è stato letto da oltre 4 milioni di persone, diventando virale. Nonostante abbiano avuto un'esperienza positiva con medici e infermieri dell'ospedale, la mamma e il papà non sono riusciti ad accettare il fatto che, per abbracciare il bimbo appena nato, dovessero pagare.

Naturalmente, dopo il clamore suscitato dalla vicenda, il personale medico si è visto costretto a replicare. Secondo la portavoce dello Utah Valley Hospital, Janet Frank, tenere tra le braccia il piccolo è fondamentale per rendere profondo il legame con il figlio fin dalla nascita ma, per far sì che la cosa avvenga in tutta sicurezza, è necessaria la presenza di personale infermieristico ed è proprio a quest'ultimo che andrebbero quei 39.35 dollari.