May Brown ha 17 anni e viene da Great Yarmouth, in Norfolk. Da quando aveva 11 anni, è affetta da una malattia rara, chiamata tricotillomania, un disturbo psicologico del controllo degli impulsi, che la spinge a strapparsi in modo compulsivo ciocche di capelli e, nei casi più gravi, anche ciglia e sopracciglia. A causa del suo problema è stata vittima di bullismo a scuola: i compagni di classe la prendevano in giro per i suoi strambi tagli di capelli, chiamandola con soprannomi crudeli e di cattivo gusto. La tricotillomania porta anche a disturbi del sonno e ad elevati livelli d’ansia, tanto che, secondo i medici, tirare i capelli è un modo per alleviare lo stress.

La ragazza ha sempre cercato di nascondere anche alla sua famiglia le zone calve con fermacapelli o extension, fin quando non ha deciso di confessare tutto con un video su YouTube. “Ho deciso di fare un video in cui ho raccontato il mio segreto a tutti perché non voglio più nascondermi nel silenzio. Ho ricevuto moltissime messaggi di sostegno. Sono molte le persone malate che mi scrivono da ogni parte del mondo per chiedermi consigli e per raccontarmi le loro storie”. In questo modo, May spera di far conoscere sempre di più la sua condizione rara e di dare sostegno a tutti coloro che, come lei, ne soffrono. Le persone che credono di non poter convivere con la malattia non devono sentirsi sole e soprattutto non devono vergognarsi di chiedere supporto. E' possibile guarire o almeno riuscire a controllare i propri impulsi.