Per la primavera 2014 Bottega Veneta esplora le possibilità offerte da materiali e volumi. La collezione si arricchisce di diverse tonalità e proporzioni rimanendo sempre legata ai concetti di femminilità e modernità. La palette cromatica della stagione si basa su una dicotomia, con gruppi chiaramente definiti di intensi colori scuri e pallidi colori neutri. Le tinte scure includono nero, varie tonalità di grigi, blu ammiraglio, blu navy, espresso, verde militare, melanzana, rosso bruciato e una tonalità polverosa di salmone che ricorda le facciate dei palazzi romani. Per i colori più chiari, le tonalità includono fango, sabbia e bruma con tocchi di bianco immacolato.

Nota speciale di questa stagione è un tessuto creato da Bottega Veneta, un intreccio in parti quasi uguali di cotone e filo di rame, un materiale originale nell’aspetto e al tatto. Altri materiali sono organza e satin di seta, cotone popelin, crepe compatta, jersey di cotone plissé, pregiata nappa e mohair. Non ci sono stampe nella collezione, tuttavia l’idea di stampa è ottenuta attraverso la tecnica del ricamo e con speciali applicazioni, realizzate meticolosamente ed applicate ad arte, per creare texture interessanti e un effetto multidimensionale. Tra le calzature proposte per la primavera, un sandalo sling-back femminile, in stuoia intrecciata e con punta squadrata. Volume e proporzione di ciascun look determinano l’altezza della calzatura. “La collezione si basa sulla freschezza, sia in termini di materiali che di tecniche”, dichiara il Direttore Creativo Tomas Maier. “Volevo farmi condurre dal tessuto, facendolo diventare una guida da seguire verso le innumerevoli possibilità di lavorazione che potevamo ottenere”.