Miuccia Prada ancora una volta si diverte a giocare con la moda e presenta durante la Fashion Week di Parigi una collezione primaverile, creata per il marchio Miu Miu, che nasconde un messaggio sopito. Gli abiti sono solo il mezzo attraverso cui veicolare un'idea. Quella di Prada è una moda concettuale che non si accontenta di cucire insieme le stoffe e abbinare i colori secondo le tendenze del momento. L'obbiettivo è dire, non solo vestire. La designer afferma di essersi concentrata «sul classico, o meglio sui classici. O meglio ancora quello che nella mia testa sono i classici e gli archetipi femminili che permangono anche attraverso l’abbigliamento. Come la gonna a pieghe, il cappottino da bambina, etc. Ho scelto i capi che mi sembrano rilevanti adesso e li ho riproposti, mischiandoli».

In passerella sfila un altro volto di ogni donna, quel lato infantile che solitamente viene nascosto e che sul catwalk di Miu Miu viene rappresentato attraverso le fantasie giocose ed iper colorate, tramite le nuance pastello, le scarpe vernice in stile bambolina, le calze coprenti e i cappotti retrò con maxi colletto e bottoni. Miuccia Prada riprende capi classici come i cappotti e le gonne a pieghe, utilizza i simboli del guardaroba femminile per mescolarli tra loro e attualizzarli con forme e decori del tutto opposti. Gioca ancora, gioca con la moda e come sempre riesce a rendere unico e perfetto il suo splendido gioco.

.