Lu Xiaoyun e suo marito He Yong sono la coppia cinese di Dongdong, la zona rurale a nord-est della provincia cinese di Liaoning. Lu era al quarto mese di gravidanza quando, mentre lavorava, è entrata in travaglio. La donna pensava di aver subito un aborto spontaneo, a causa della eccessiva quantità di sangue perso, e che la sua bambina fosse nata morta. La piccola era stata infatti sepolta dalla nonna sotto un albero nel loro cortile, mentre i genitori si stavano recando in ospedale. Non appena arrivati dal medico, quest’ultimo gli ha comunicato che la bambina doveva essere controllata prima di essere seppellita poiché potevano esserci ancora delle possibilità che fosse in vita. Infatti, una volta tornati a casa di corsa, hanno scoperto che la piccola era sopravvissuta dopo essere stata sepolta viva per due ore.

La donna non era nuova ai dolori del travaglio, infatti ha anche un’altra figlia di 7 anni, ma dopo vari controlli, ha scoperto che si trovava al sesto mese di gravidanza e non al quarto, come lei pensava. La neonata è rimasta per tre giorni sotto osservazione in ospedale, ma poi la coppia ha dovuto portarla a casa perché non si poteva permettere economicamente un altro trattamento. La loro storia ha però fatto il giro del web e sono stati molti i donatori, che hanno permesso alla bambina di completare le sue cure.