4.038 CONDIVISIONI
1 Agosto 2021
13:00

La bellezza sta nell’autenticità: come essere naturalmente belle

Curvy, silver e quasi senza make up, la donna del Terzo Millennio è più consapevole di cosa sia la bellezza: cercare di migliorare il proprio aspetto senza sforzi, senza inganno, rimanendo fedeli a se stesse e usando prodotti e mezzi “non invasivi”. Cosa possiamo fare per migliorarci senza tradirci? Dalla beauty routine naturale ai “no, grazie”, scopriamo come diventare testimonial della bellezza naturale.
Immagine
A cura di Ciaopeople Studios
4.038 CONDIVISIONI

Forse sono i canoni di bellezza che stanno mutando oppure semplicemente fa parte dell’evoluzione del concetto di bellezza, ma negli ultimi anni abbiamo assistito a cambiamenti importanti e a movimenti sempre più partecipati di donne che si sono liberate da una bellezza conformista per riscoprirne una più autentica e pura, quella naturale.

Una bellezza non convenzionale

Il concetto di bellezza naturale e consapevole si è combinato con il concetto di bellezza effortless, ossia senza sforzi e senza ostentazione: poi sappiamo tutte che anche per apparire naturalmente belle, non basta il sapone, ma serve una lunga e costante attenzione. Ciascuna può scoprire la propria bellezza in modo autentico, decidendo come valorizzarsi cercando di rimanere fedeli a ciò che si è: la bellezza naturale non ama gli eccessi del “correttore”, non ama nascondere e tradire i propri lineamenti e quelli del proprio corpo, ma preferisce prendersene cura enfatizzando i punti di forza (o anche i difetti quando sono caratteri distintivi) nella semplicità e nella discrezione. Esempio è Ashley Graham che da anni dimostra che le curve non sono più “out”, ma sensuali e aggraziate oppure Winnie Harlow, la modella che non ha mai nascosto la vitiligine, ma ne ha fatto un punto di forza. La bellezza naturale, quindi, è quella non convenzionale, quella che ci caratterizza e va valorizzata. Come fare? Iniziando dall’esclusione dei mezzi più “invasivi” e scegliendo quelli più affini al proprio stile di vita.

I “no” che dipendono dalla propria soggettività

I “no, grazie” che si dicono per essere naturalmente belle sono vari e ogni donna sceglie la modalità della propria autenticità. Per molte è un no alla tinta perché falsifica l’età, per alcune donne è un no al make-up quotidiano o ancora al trucco che ci mostra molto diverse da come siamo. Per altre ancora è un no agli interventi “pesanti” o “eccessivi” come quelli della chirurgia estetica, per altre è un no a prodotti che disattendono la dimensione naturale che ha varie sfaccettature: può essere un no a prodotti non naturali, ossia a quelli che possono contenere ingredienti di derivazione chimica oppure a prodotti non sostenibili (ossia quei prodotti che tendono a ridurre il proprio impatto ambientale). Esistono differenze nel campo della cosmesi naturale: infatti i cosmetici naturali escludono componenti chimici come profumi, parabeni e conservanti, mentre i cosmetici bio oltre a una base naturale devono contenere anche una percentuale significativa di ingredienti estratti da piante coltivate secondo princìpi biologici (senza OGM e senza utilizzare prodotti di sintesi). Farsi strada nella cosmesi naturale richiede attenzione alle certificazioni che appaiono sulle etichette (NATRUE, ICEA, CCPB, ECOCERT, AIA e COSMOS) e attenzione all’INCI dove vengono elencati gli ingredienti. Oltre a queste distinzioni (naturali e bio), esistono anche prodotti vegan e cruelty-free che pongono l’attenzione sul rispetto delle specie.

Le scelte “green” per la beauty routine naturale

Se è vero che ciascuna può adottare la forma di “naturalità” che più le si addice, il consiglio è quello di scegliere prodotti adeguati al proprio stile di vita e di evitare gli sprechi. Per la beauty routine naturale e quotidiana del viso è meglio utilizzare panni in fibra di bambù o i dischetti riutilizzabili per detergere e tonificare la pelle: questo evita di consumare due volte al giorno i dischetti usa e getta. Lo stesso discorso può essere fatto per le maschere viso: per una beauty routine naturale sarebbe preferibile usare le maschere in crema, oppure quelle biodegradabili (in carta, in tessuto biodegradabile o in fibra di banano etc) che si trovano facilmente in commercio.

Per lo scrub del viso, che elimina le cellule morte dell’epidermide, è bene usare metodi fai-da-te per scongiurare la dispersione nell’ambiente di microplastiche: una ricetta naturale efficace associa al miele, lo zucchero (oppure il caffè) e qualche goccia di limone. Questa ricetta è perfetta anche per il corpo anche quando ci si deve preparare per la depilazione e facilita sia la rimozione delle cellule che, poi, quella dei peli. Per i peli antiestetici una modalità easy e anche più sostenibile è quella di utilizzare il nuovo rasoio Gillette Venus, che è notevolmente performante grazie alla presenza di lame affilate e perfezionate. Questa nuova gamma di rasoi accresce il desiderio di “naturalità” che c’è in noi poiché il packaging è costituito dal 50% di carta riciclata e riciclabile al 100%, quindi, è completamente plastic free, mentre i manici sono costituiti solo da plastica riciclata.

Questo è un contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios, realizzato in linea con le necessità del brand
4.038 CONDIVISIONI
 
La beauty routine diventa ecologica
La beauty routine diventa ecologica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni