Nikki Webster è una donna di 33 anni, viene dall’Arkansas e nei mesi scorsi la sua storia aveva fatto il giro del web. Era arrivata a pesare quasi 300 chili ed era stata definita patologicamente obesa. Nonostante ciò, i suoi genitori non la aiutavano a guarire ma anzi la incoraggiavano a mangiare ancora di più, cucinandole tutto quello che desiderava e portandole il piatto a letto ad ogni pasto.

I medici le dicevano che così facendo stava mettendo a serio rischio la sua vita. Ormai non riusciva più ad alzarsi dal letto ed è per questo che ha deciso che era arrivato il momento di dare una svolta alla sua esistenza, sottoponendosi ad un bypass gastrico. In 12 mesi è riuscita a perdere circa 90 chili e finalmente riesce a compiere di nuovo dei gesti semplici come stare in piedi e lavarsi. “L‘ho fatto per me stessa, il cibo era diventata una dipendenza per me e mi stava uccidendo”, ha raccontato Nikki in lacrime.

Prima dell’intervento, si sentiva infatti letteralmente ossessionata e disarmata di fronte al cibo, tanto che non appena si svegliava al mattino pensava solo ed esclusivamente a quello che avrebbe mangiato nel corso della giornata. Oggi, è felice di aver raggiunto dei risultati simili, soprattutto perché avrà dei notevoli miglioramenti sulla sua salute. La strada da percorrere è ancora lunga ma, nonostante ciò, intende continuare a dimagrire, così che l’obesità possa diventare solo un lontano ricordo. La sua speranza è che anche i genitori capiscano che questa è la scelta migliore per lei e che la smettano di indurla in tentazione con le loro bontà culinarie.