Rhian Lewis è una donna di 49 anni, viene da Cardiff ed ha cominciato a perdere la vista 6 anni fa a causa della retinite pigmentosa, una malattia genetica che gradualmente le ha distrutto la retina fotosensibile. Praticamente da qualche anno era diventata quasi cieca all’occhio sinistro e la cosa le ha provocato non pochi disagi nella vita quotidiana poiché le impediva di compiere azioni semplici.

Oggi, però, grazie ad un occhio bionico rivoluzionario impiantatole per 50mila sterline all'ospedale di Oxford, la sua vita è cambiata. E' riuscita finalmente a vedere di nuovo dopo moltissimi anni. Il cosiddetto "occhio bionico" è un piccolo microchip che le è stato montato nell’occhio destro, capace di catturare la luce e di portarla al cervello, dove viene trasformata in immagini. Non appena si è risvegliata dall'intervento, Rhian non è riuscita a trattenere la gioia, era di nuovo in grado di leggere l’orologio, di godersi la luce del sole e di guidare la macchina. “Mi sono sentita come se fosse il giorno di Natale. Riavere la vista è stata una gioia pura”, ha dichiarato la donna.

L’impianto potrebbe essere decisamente innovativo nel trattamento della cecità. L’assistenza sanitaria britannica spera infatti che l’occhio bionico diventi disponibile nel giro di 2 anni. Per ora, viene prodotto solo dall’azienda tedesca Retina Implant AG ed è ancora in fase di sperimentazione. Rhian, intanto, si gode la sua vista ritrovata e non potrebbe essere più felice: finalmente è di nuovo capace di vivere la quotidianità senza imprevisti e soprattutto senza disabilità.