Dillo con un bacio, con un ballo, con una lettera o con uno sguardo. L’amore, si sa, non ha età, ed anche alcuni gesti romantici per far capire alla persona amata i propri sentimenti sono universali, dall’adolescenza all’età adulta. Non sempre, infatti, le parole bastano ad esprimere ciò che si prova per il partner. Anzi, quello della comunicazione è uno dei problemi più difficili da affrontare per gli uomini e le donne, al punto tale che la stessa industria cinematografica ha trattato l’argomento a più riprese. Di seguito vi proponiamo alcuni passaggi estremamente “educativi”.

Le pagine della nostra vita

“Su molte cose non erano d’accordo. Era un litigio continuo. Ma nonostante il loro essere così diversi, una cosa importante avevano in comune: erano pazzi l’uno dell’altra”. Soprattutto quando si è giovani e ribelli, il dialogo e le esigenze del partner possono essere un problema difficile da affrontare. Ma, si sa, la passione cura tutte le ferite ed anche le sfide quotidiane possono essere risolte semplicemente con un bacio, come mostrano Ryan Gosling e Rachel McAdams, protagonisti de “Le pagine della nostra vita”, film del 2004 tratto dal romanzo “The Notebook” di Nicholas Sparks.

Love Actually

Più si cresce, più si soffre, si avvertono mancanze che aumentano con le distanze e si trovano ostacoli al proprio amore, come anche la presenza di un terzo incomodo che rende tutto più difficile. L’importante è trovare la forza di guardare oltre e rendere noti i propri sentimenti. È quello che succede in questa scena di “Love Actually”, universalmente considerata tra le più belle dichiarazioni d’amore di tutti i tempi sul grande schermo.

A Beautiful Mind

L’effetto sorpresa è importantissimo in tutte le coppie e compiere gesti improvvisi e del tutto inattesi può appianare le divergenze e aumentare il desiderio. Addirittura, può aprire la strada ad una proposta di matrimonio. Lo sanno bene Russell Crowe e Jennifer Connelly, che interpretano questa scena tratta da “A Beautiful Mind”, film da ben quattro premi Oscar e dedicato al matematico John Nash, genio dei numeri e premio Nobel per l’economia, affetto da una grave forma di schizofrenia.

Manuale d’amore

Margherita Buy e Sergio Rubini in questa clip tratta da uno dei quattro capitoli di “Manuale d’amore” mostrano tutto ciò che non dovrebbe essere fatto in una coppia, sposata per altro da anni. Va bene dirsi ciò che si pensa l’uno dell’altro, ma bisogna farlo con sincerità e immediatezza, senza aspettare che la situazione degeneri, imparando a rispettare il partner e a farsi carico delle esigenze reciproche.

Up

Quando si trascorre una vita intera insieme a un’altra persona, condividendo gioie e dolori, si resta legati a ogni piccolo ricordo per rivivere ogni attimo. Chi è riuscito a trattenere le lacrime dopo aver visto la storia d’amore raccontata dal film d’animazione “Up”? Le parole non servono, la forza di alcune foto e della memoria dell’amore è quello che conta. Piena di significato è la frase che Ellie dedica al suo Carl alla fine del loro album di immagini: “Grazie per l'avventura. Ora va’ e vivine un'altra".

Così si esprime il cinema, cambiando interpreti, contesti e pubblico di riferimento. Del resto le cause stesse di una cattiva comunicazione sono diverse. A rivelarlo è l’indagine “Senti chi ama”, promossa da Amplifon e condotta da GfK Eurisko, secondo cui le cause di una cattiva comunicazione sono numerose: la mancanza di tempo, la necessità di concentrarsi sempre sulle proprie esigenze e poco su quelle dell’altro, le distrazioni della società e un motivo per niente banale: basti pensare che il 6% degli intervistati ha ammesso di sentire male la voce del proprio partner. Per questo, bisogna trovare dei modi alternativi per comunicare, senza litigare ed evitando fraintendimenti. E altre volte, magari, basterebbe un semplice test dell’udito e prendere i dovuti provvedimenti.