Johanna Watkins è una donna di 29 anni, viene dal Minnesota e ha trascorso l’ultimo anno chiusa nella sua camera da letto, lontana dalla luce, dalla polvere e soprattutto da suo marito Scott. Il motivo che l’ha spinta a fare una cosa simile è ben diverso da quello che si potrebbe immaginare. Non c’è nessuna lite o crisi di coppia in corso, la donna ha scoperto di soffrire di una rara condizione chiamata immunodeficienza combinata grave, che la porta a essere allergica alla luce e agli odori, di conseguenza anche a suo marito.

Fino allo scorso anno, Johanna conduceva una vita normale, amava fare escursioni, passeggiate, andare in spiaggia, ma ora è cambiato tutto ed è costretta a restare isolata nella sua stanza per evitare di andare incontro a terribili reazioni. “Non posso avvicinarmi troppo, non posso abbracciarla o baciarla senza farle male”, ha spiegato Scott straziato. I due si sono sposati nel 2013, prima che Johanna si ammalasse, ancora oggi vivono insieme ma si addormentano in stanze separate e possono chiacchierare solo tramite Skype.

Le uniche volte in cui la donna abbandona la sua camera sono quando deve andare al pronto soccorso o a fare delle visite mediche ma anche in quelle occasioni deve stare bene attenta a non mettere a rischio la sua salute, indossando delle mascherine apposite. “Non appena apro la porta, sento che il mio corpo viene attaccato. E’ come se combattessi una guerra contro me stessa”, ha spiegato Johanna in un'intervista rilasciata al DailyMail. Oggi, la coppia spera di trovare un modo per vivere insieme senza che la 29enne vada incontro a terribili reazioni allergiche: stare separati è una cosa che sta uccidendo il loro rapporto.