Si chiama Ismail Drammeh, ha 21 anni ed è il ragazzo del Gambia la cui storia sta facendo il giro del web. Oggi calca le passerelle fashion più ambite e riesce a incantare tutti con la sua bellezza mozzafiato ma fino a qualche anno fa non avrebbe ai immaginato un futuro da modello. Era infatti un profugo scappato dal suo paese di origine messosi a bordo di un gommone insieme ad altre 110 persone, è proprio così che ha raggiunto le coste italiane. Qui è stato salvato dalla Marina Militare ma la cosa insolita è che una ragazza ha notato il suo splendore, proponendogli fin da subito di lavorare nella moda. Da allora la sua vita è cambiata e oggi, complice il suo metro e novanta e i suoi muscoli scolpiti, è riuscito a diventare uno dei modelli più richiesti dalle grandi Maison italiane.

Dal viaggio della speranza su un gommone alle passerelle

Ismail Drammeh non ha avuto una vita semplice, ha solo 21 anni ma si è già ritrovato a fronteggiare delle situazioni difficili. È originario del Gambia ma 5 anni fa, stanco di lavorare nei campi senza alcuna prospettiva di un possibile miglioramento, è scappato dal suo paese, non riuscendo nemmeno a salutare la mamma e i fratelli, aveva paura che questi volessero trattenerlo al loro fianco per troppo amore. Ha attraversato il deserto, è stato in Senegal al Mali, in Burkina Faso, in Nigeria e infine è arrivato in Libia, un paese dilaniato dalla guerra dove è finito in carcere per ben tre volte. Pur di scappare da quell'inferno è stato disposto a pagare mille euro, la cifra richiesta per salire su uno dei gommoni di profughi che arrivano in Sicilia. A bordo c'erano ben 110 persone, Ismail ha viaggiato per 5 giorni, ha visto neonati morirgli davanti, riuscendo a mettersi in salvo solo grazie all'intervento della Marina Militare. È proprio a poche ore dall'arrivo in Italia che una ragazza lo nota, proponendogli di sfilare in passerella. Da allora tutto è cambiato, ha realizzato un book, si è iscritto a un'agenzia ed è diventato richiestissimo dalle più grandi Maison.

Ismail richiesto dalle più grandi Maison

Fino a quel momento Ismail non conosceva nullo del mondo della moda, non riusciva a credere a quello che gli stava succedendo, soprattutto dopo tutto quello che ha dovuto affrontare per raggiungere l'Italia. È alto un metro e novanta, ha un corpo scultoreo, gli addominali scolpiti e un segno indelebile del suo passato sulla pelle, una cicatrice sulla gamba dovuta a una coltellata subita durante un tentativo di rapina in Libia. Negli ultimi mesi ha imparato l'italiano e, oltre a lavorare come modello, fa anche il cameriere in un ristorante messicano, così da guadagnare abbastanza da poter mandare dei soldi a casa. Nonostante il successo, non dimentica le sue origini, al collo porta sempre un ciondolo a forma di Africa che gli ricorda la famiglia. La sua speranza? Conquistare le grandi passerelle, così da dimostrare a tutti che la bellezza riesce a vincere tutto, anche il razzismo.