Vi siete mai chiesti se il vostro bambino dorme abbastanza? Una ricerca condotta presso l’Uni Research Health and the Norwegian Institute of Public Health di Bergen e pubblicata sul New Zeland Herald ha analizzato 32.662 coppie di madri e bambini con il sostegno del Ministero della Salute Norvegese ed ha dimostrato che i piccoli presentano con più probabilità problemi emotivi e comportamentali a partire dai 5 anni quando dormono meno di 10 ore al giorno o si svegliano spesso durante la notte.

Alle madri, divise a seconda dell’età, del livello di istruzione e del numero di altri bambini concepiti, è stato chiesto di compilare dei questionari quando erano a 17 settimane di gravidanza, quando il bambino aveva 18 mesi e poi quando aveva raggiunto i 5 anni. Ne è emerso che circa il 3% dei bambini si sveglia regolarmente tre o più volte ogni notte, mentre la stragrande maggioranza presenta dei disturbi del sonno solo una paio di volte alla settimana. In particolare, i piccoli che dormono poco rischiano di andare incontro a problemi come ansia e depressione, che coinvolgono la loro interiorità, la gestione delle emozioni e il controllo degli impulsi, piuttosto che deficit di attenzione o aggressività, che sarebbero invece molto meno diffusi.

Addirittura, problemi cronici del sonno possono causare forte stress a causa dei cambiamenti ormonali. Lo studio ha dimostrato anche che è importante per i bambini imparare a dormire da soli, poiché fin quando ci sarà un genitore vicino svilupperanno una sorta di dipendenza, che potrebbe sfociare in diversi disturbi del sonno. Il consiglio è quello di far leggere dei libri ai bambini quando, arrivati a 5 anni, non riescono a dormire abbastanza.