Chi vuole prendersi cura del proprio organismo sa bene che deve seguire una dieta sana, eliminando il cibo spazzatura e tutto ciò che potrebbe appesantire e a lungo andare mettere a rischio la salute. Nessuno, però, avrebbe mai immaginato che uno specifico regime alimentare si sarebbe rivelato un vero e proprio "elisir di lunga vita". Secondo un recente studio, infatti, è necessario mangiare dei cibi antinfiammatori per ridurre il rischio di mortalità: ecco per quale motivo.

Dieta antinfiammatoria: i cibi da mangiare e da evitare

Secondo una ricerca condotta presso l'Università di Scienze della Vita di Varsavia e pubblicata sul Journal of Internal Medicine, il segreto per vivere più a lungo sarebbe seguire una dieta antinfiammatoria. In cosa consiste? Nel mangiare frutta e verdura in quantità, visto che sono cibi ricchi di antiossidanti, formaggio fresco, pane integrale, cereali, noci e cioccolato fondente. Per quanto riguarda i condimenti, è possibile usare l'olio extra vergine di oliva o in alternativa olio di colza, mentre per le bevande è necessario puntare tutto su acqua, tè, caffè, spremute, vino rosso e poca birra. La ricerca ha coinvolto 69.273 uomini e donne svedesi tra i 45 e gli 83 anni, le cui abitudini alimentari sono state tenute sotto controllo per un lungo lasso di tempo. I risultati hanno mostrato che coloro che avevano seguito un regime alimentare antinfiammatorio avevano ridotto del 18% il rischio di mortalità  e del 20% la possibilità di andare incontro a una malattia cardiovascolare. “Anche solo seguendo parzialmente questa tipologia di dieta è comunque possibile ottenere dei benefici per la propria salute”, ha dichiarato Joanna Kaluza, una delle autrici dello studio. Gli alimenti assolutamente vietati? Carne rossa non lavorata e trasformata, patatine e bevande analcoliche, che non farebbero altro che alimentare le infiammazioni, mettendo in pericolo la salute.