Il Met Gala 2019
in foto: Il Met Gala 2019

Bisogna aspettare ancora, ma il Met Gala 2021 si farà: dopo la cancellazione dell'edizione del 2020 per via del Covid, l'evento più eccentrico della moda torna in versione "raddoppiata". Vogue ha annunciato le date e i temi dei prossimi due galà: il primo sarà il 13 settembre 2021, per l'apertura della mostra “In America: A Lexicon of Fashion". Una cerimonia "leggermente più piccola", scrive Vogue, ma in presenza, nel rispetto delle future linee guida del governo. Il secondo, come vuole la tradizione, si svolgerà il primo lunedì di maggio 2022 e accompagnerà la mostra "In America: An Anthology of Fashion". La moda americana dunque è il filo conduttore di entrambi gli eventi: un segnale di ripartenza importante dopo lo stop forzato e l'anno nero della pandemia. Prevedibilmente la curiosità del web è esplosa: dopo un anno senza eventi né red carpet tutti vogliono ritornare a sognare. Per avere una lista definitiva degli ospiti bisognerà attendere l'annuncio ufficiale, intanto però la stampa si lancia in speculazioni su chi potrebbero essere i "padroni di casa" dell'evento di settembre: il Times scommette su due nomi, lo stilista Tom Ford e la poetessa Amanda Gorman, recentemente apparsa sulla copertina di Vogue America.

Cos'è il Met Gala e perché è importante per la moda

Il Met Gala è una festa annuale di raccolta fondi a beneficio del Costume Institute del Metropolitan Museum of Art di New York. Tradizionalmente si svolge a maggio, in concomitanza con l'inaugurazione della mostra annuale di moda del Costume Institute. La mostra – e quindi anche la serata – vantano la collaborazione della rivista Vogue America e in particolare dalla direttrice, Anna Wintour, rendendolo l'evento fashion per eccellenza. Il tema della mostra, quindi, diventa il tema del galà e gli ospiti sono chiamati a vestirsi di conseguenza: il risultato è una straordinaria passerella di creazioni di haute couture e di sperimentazioni creative. L'ultimo Met Gala prima della pandemia era a tema Camp, cioé stravaganza.

Anna Wintour, la direttrice di Vogue America al Met Gala
in foto: Anna Wintour, la direttrice di Vogue America al Met Gala

La moda riparte con gli eventi in presenza

Dopo un anno di pandemia la moda riparte con gli eventi in presenza, con i red carpet e con i flash dei paparazzi. Come annunciato da Vogue Us, la prossima mostra del Costume Institute sarà divisa in due parti e sarà presentata nel corso del 2021 e del 2022 in due aree del Metropolitan Museum of Art di New York. La prima parte, “In America: A Lexicon of Fashion”, aprirà all’Anna Wintour Costume Center il 18 settembre 2021, mentre la seconda parte, intitolata “In America: An Anthology of Fashion”, aprirà il 5 maggio 2022 nelle sale d’epoca dell’ala americana. Le due mostre quindi hanno un filo conduttore, la moda made in Usa. "Volevamo consapevolmente che questa fosse una celebrazione della comunità della moda americana, che ha sofferto così tanto durante la pandemia", ha detto al New York Times Andrew Bolton, curatore del Costume Institute. Non a caso infatti la prima mostra aprirà i battenti in occasione della prossima New York Fashion Week.  Un segnale di speranza e di ottimismo per il futuro.