Jennifer Kiss-Engele viene dal Canada, è mamma di Sawyer, un bambino affetto dalla sindrome di Down, che di recente è stato escluso da una festa di compleanno dai compagni di classe proprio a causa della disabilità.

La donna ha dunque deciso di sfruttare Facebook per inviare un messaggio a tutti i genitori che pensano che quelli come Sawyer non debbano avere amici a causa del loro handicap. Nella lettera postata, la mamma ha scritto:

Non mi aspetto che mio figlio venga invitato ad ogni festa di compleanno, visto che anche noi abbiamo invitato solo pochi bambini ma in questo caso è diverso. Avete invitato 22 bambini, tutti tranne mio figlio ed è perché è affetto dalla sindrome di Down. Avere la sindrome di Down non significa che non si vogliono avere amici, che non si hanno sentimenti o che non si può essere invitati alle feste di compleanno. Le persone con la sindrome di Down vogliono le stesse cose che volete voi e che voglio io.

Jennifer è consapevole del fatto che il mancato invito è stato intenzionale e non solo una “svista”. La sua speranza è che i coetanei di Sawyer non vengano esposti all’odio e alla discriminazione gratuita ma che imparino a fare i conti con la sindrome di Down, capendo veramente il disturbo con cui hanno a che fare. La sua lettera aperta ha ottenuto più di 14.000 like e quasi 5.000 condivisioni, simbolo che sono moltissimi quelli che condividono il pensiero della mamma dispiaciuta. Avere una disabilità non significa non avere sentimenti e tutti dovrebbero capirlo.