Abi Longfellow è una ragazzina di soli 13 anni, viene da Wakefield, nel West Yorkshire, e la vita l’ha già posta di fronte ad una sfida difficile. Da tre anni, le è stata diagnosticata una malattia renale che colpisce solo una persona su un milione, che la costringe ad affrontare 10 ore di dialisi ogni giorno. Non è semplice rimanere ore e ore attaccata ad una macchina

Per guarire, è necessario un trapianto di rene ma il servizio sanitario britannico si è rifiutato di finanziare la medicina di cui avrà bisogna in seguito all’intervento, l’Eculizumab, che arriva a costare circa 137.000 sterline ogni anno. Nonostante ciò, la ragazza ha deciso di affrontare lo stesso l’operazione, consapevole del fatto che potrebbe andare incontro a delle infezioni mortali durante i successivi trattamenti di dialisi. “Sono stufa e stanca. Faccio fatica a fare le cose che i miei coetanei fanno normalmente, non posso andare neppure a scuola. La gente dice che sono coraggiosa ma in verità non ho scelta”, ha spiegato Abi, estenuata dalla malattia che le sta rendendo impossibile la vita.

I genitori dell’adolescente hanno lanciato una campagna di raccolta fondi per trovare il denaro necessario per acquistare il farmaco. Abi, intanto, ha deciso di affrontare tutto senza paura, continuare a vivere in questo stato sta rendendo la sua esistenza terribile, sarebbe disposta a qualsiasi cosa, anche la più rischiosa, pur di mettere fine a una sofferenza simile. A questo punto, non le resta che sperare che tutto si concluda per il meglio, così da poter essere finalmente un'adolescente "normale".