Amy McDonald e Domonic Reshad vengono da St. Mellons, Cardiff, hanno due figli e ne aspettavano un terzo, ma purtroppo sono riusciti a passare solo 21 ore con il loro piccolo Amir. Alla 20esima settimana di gravidanza, i medici hanno comunicato ai due che il bimbo era gravemente malato e aveva poche possibilità di sopravvivenza. Dopo alcune complicazioni, hanno poi deciso di farlo nascere il prima possibile.

Non hanno avuto neppure una giornata per tenerlo tra le braccia, Amir è morto dopo sole 21 ore di vita lasciando nel lutto e nella disperazione i suoi giovani genitori. Amy ha dichiarato straziata: “Ho avuto modo di conoscere il mio bel ragazzino in quelle poche ore. Ho potuto baciarlo, coccolarlo ed ho conosciuto anche il suo odore. Conservo dei ricordi preziosissimi insieme a lui”. In quelle poche ore, il piccolino ha ricevuto la visita da ogni suo parente: nonni, zii e anche tutti i cugini. Oggi, Amy e Domonic fanno molta fatica ad andare avanti in modo spensierato. Ogni volta che chiudono gli occhi, non possono fare a meno di pensare al piccolo Amir.

Quei momenti in sua compagnia sono stati perfetti, avevano già capito a chi somigliava caratterialmente ed esteticamente. I due sfortunati genitori trovano la forza di affrontare ogni nuova sfida con coraggio solo grazie agli altri due bambini Taio e Kobi, di 5 e un anno. Sperano che presto potranno donare loro un altro fratellino, anche se non dimenticheranno mai Amir e la sua triste storia, raccontata al DailyMail. Intanto, hanno creato un sito di raccolta fondi per dare un sostegno materiale a tutti i genitori che si trovano nella loro stessa situazione.