Dexter Cahill è un bambino di 3 anni ed è diverso da tutti i suoi coetanei. Il motivo? Non piange mai, neppure quando urta o si rompe un osso. Anche se potrebbe sembrare qualcosa di desiderabile da parte dei genitori, in verità la situazione è molto più complessa di quanto sembra. Fin da quando è nato, è affetto da un raro disordine genetico chiamato neuropatia autonomica e sensoriale ereditaria tipo 4 che non gli fa avvertire alcun dolore. La mamma e il papà si sono accorti che qualcosa non andava quando Dexter ha cominciato a mettere i denti.

A differenza degli altri neonati, lui non piangeva e, una volta portato a un controllo medico, dopo ben 18 test differenti, si è scoperto del disturbo. Nel corso degli anni ha subito diverse fratture come quella al pollice, alla mano o al piede ma non ha sentito assolutamente nulla, tanto che i medici non gli hanno somministrato la morfina. La cosa però è molto pericolosa poiché il bimbo rischia di andare incontro a danni più gravi senza accorgersene.

"Si è fatto male a scuola a volte e sono andata a prenderlo di corso. Mi aspettavo che fosse sconvolto, invece era lì tranquillo con i compagni di classe al suo fianco mentre i paramedici si prendevano cura di lui", ha spiegato mamma Lindsay, costretta a eliminare ogni tipo di pericolo da casa. Gli esperti ritengono che sono 125 milioni i bambini che potrebbero portare questo gene difettoso in tutto il mondo. Lindsay ha spiegato che le persone credono che Dexter sia un supereroe, dimenticando il fatto che potrebbe mettere a rischio la sua vita. La sua speranza è che con il passare dell'età la situazione migliori o che, quanto meno, il piccolo impari a non farsi del male.