Lady Diana è una donna leggendaria e non solo perché ha perso tragicamente la vita nel 1997 dopo aver divorziato dal principe Carlo, è stata la prima principessa moderna, una donna che ha avuto il coraggio di ribellarsi ai dettami reali ma senza mai perdere la gentilezza e il sorriso che l'hanno sempre contraddistinta. Ancor prima di entrare nella Royal Family, nelle sue vene scorreva il fantomatico "sangue blu", era infatti la figlia del conte John Spencer e dell'aristocratica Frances Ruth Roche. Al di là dei gioielli appartenenti ai Windsor che sfoggiò spesso in pubblico, dalle tiare alle collane della regina, è chiaro che possedeva anche dei preziosi personali, tutti ugualmente scintillanti e incastonati con diamanti, zaffiri e smeraldi. In pochi, però, sanno che fine hanno fatto. A parlare chiaro è stato il suo testamento, nel quale la principessa indicò chiaramente che i bracciali, le collane, gli orecchini e i gioielli di sua proprietà sarebbero dovuti andare ai figli, così che un giorno li avrebbero potuti regalare alle loro mogli.

William ed Harry hanno rispettato il volere della mamma, non di rado, infatti, Kate Middleton e Meghan Markle hanno reso omaggio alla compianta suocera indossando un suo vecchio prezioso. Il primo di loro che si è fidanzato, William, ha infatti donato l'ambito anello della mamma a Kate, ovvero lo zaffiro da 12 carati circondato di diamanti diventato leggendario. Meghan, invece, ha ottenuto un altro capolavoro, ovvero un anello con una pietra acquamarina che Diana commissionò ad Asprey dopo il divorzio. A fare eccezione sono alcuni regali che Carlo fece alla prima moglie, come ad esempio la Lover’s Knot Tiara o il girocollo art deco della regina Mary in diamanti e smeraldi, tornati alla Royal Family. Insomma, escludendo alcuni pezzi che la stessa principessa mise all'asta, i suoi gioielli sono rimasti quasi tutti in famiglia e a gioirne sono Kate e Meghan, ritrovatesi con un patrimonio inestimabile tra le mani dopo il matrimonio.