1.401 CONDIVISIONI
Opinioni
4 Marzo 2021
22:41

I fiori di Sanremo sono solo per le donne. E se ci liberassimo di questa inutile galanteria?

I fiori, si sa, sono una costante della kermesse sanremese. Da mezzo secolo vengono donati alle donne in gara come gesto di galanteria. Peccato però che gli anni passino e, in un’edizione sempre più genderless e libera da identità troppo definite, non sarebbe importante regalarli anche agli uomini? Altrimenti tocca passarseli di mano come Francesca Michielin con Fedez. O come Damiano dei Maneskin che li dà a Manuel Agnelli.
A cura di Giulia Torlone
1.401 CONDIVISIONI

Nella prima serata veniva portato su un carrello, nella seconda dal valletto con i guanti, stasera un po' a casaccio. È il mazzo di fiori, protagonista indiscusso di ogni kermesse targata Ariston che si rispetti. D'altronde si sa, Sanremo è la città dei fiori. E loro, inconsapevoli, vengono donati sempre e solo alle donne. Gesto di cavalleria, di galanteria si potrà dire, ma possiamo ribattere che sia un retaggio da poterci tranquillamente lasciare alle spalle?

Nell'edizione più genderless di sempre, i fiori sono ancora per le donne

Che i tempi non siano più gli stessi è evidente. Francesca Michielin esordisce con un "facciamo una volta per uno, stasera li do a Fedez" passando al compagno di avventura il mazzo davanti allo sguardo di Amadeus interdetto. E ancora Damiano dei Maneskin che, stasera, li dà a Manuel Agnelli e non alla donna del gruppo, Vittoria. Un'altra dimostrazione sono quei fiori donati, ieri, a La rappresentante di lista, la band più queer del panorama mainstream dove la libertà sessuale è d'obbligo. Un mazzo che è stato diviso sul palco non solo con le altre due musiciste che non lo avevano avuto, ma un fiore è stato strappato anche da Dario Mangiaracina, parte del duo canoro. Un gesto passato forse inosservato, ma che ci porta prepotentemente al presente. Un'edizione definita contemporanea, indie, dove Achille Lauro si esibisce nel suo "genderless", può ancora sottostare ai dettami ipocriti in cui i fiori sono solo e soltanto per le donne?

I retaggi culturali del binomio donna e fiori

È sempre stato piuttosto bizzarro misurare la femminilità con i fiori e la mascolinità con la negazione di essi. Potremmo discuterne per ore senza trovare una spiegazione logica, ma l'evidenza è che alcuni retaggi culturali restano. La Rai, nonostante il tentativo di abbracciare una libertà identitaria e artistica, rimane ancora imbalsamata in una cavalleria superata dai tempi, dimostrando che il mondo fuori da quel teatro ha fatto enormi passi avanti. L'Ariston invece resta sempre simile a se stesso: nel bene e, troppo spesso, nel male. Sarà per il prossimo anno, si spera.

1.401 CONDIVISIONI
Trent’anni, giornalista professionista, si occupa di politica e questioni di genere tra web, carta stampata e tv. Aquilana di nascita, ha studiato Italianistica a Firenze con una tesi sul rapporto tra gli intellettuali e il potere negli anni duemila. Da tre anni è a Roma, dedicando anima e cuore al giornalismo. Naturalmente polemica e amante delle cose complicate, osserva e scrive per capirci di più, o per porsi ancora più domande. Profondamente convinta che le donne cambieranno il mondo. 
Michelle Hunziker distribuisce fiori a Sanremo: così combatte la violenza sulle donne
Michelle Hunziker distribuisce fiori a Sanremo: così combatte la violenza sulle donne
Sanremo 2019, Laura Chiatti a fiori con l'abito trasparente
Sanremo 2019, Laura Chiatti a fiori con l'abito trasparente
5.357 di Donna Fanpage
Maria De Filippi con l'abito a fiori: ad Amici ricicla il look di Sanremo
Maria De Filippi con l'abito a fiori: ad Amici ricicla il look di Sanremo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni