Mancano poche ore a Capodanno e tutti o quasi sono alle prese con i preparativi dei festeggiamenti, così da rendere la prima notte del nuovo anno davvero speciale tra brindisi e piccole follie. Si può mai rinunciare al cenone in un'occasione come questa? Certo che no, anche se, a differenza di Natale, si opta quasi sempre per dei cibi "portafortuna", nella speranza di cominciare una nuova fase della propria vita con il piede giusto. In Italia si mangiano le lenticchie per augurarsi prosperità economica, in Spagna dei chicchi d'uva, in Germania dei dolcetti a forma di porcellino: ecco cosa simboleggiano le pietanze consumate il 31 dicembre nelle diverse parti del mondo.

1. Lenticchie – Le lenticchie sono il cibo portafortuna diventato ormai il simbolo di Capodanno in Italia. Nella tradizione del nostro paese vengono associate ai soldi poiché hanno una forma tonda e appiattita che ricorda quella delle monetine. Più se ne mangiano, più sarà elevato il proprio benessere economico nell'anno che comincia.

2. Fagioli – Nei paesi meridionali degli Stati Uniti, invece, al posto delle lenticchie si mangiano i fagioli per cominciare il nuovo anno con il piede giusto. Quelli neri, in particolare, vengono considerati un simbolo di benessere economico e di abbondanza, visto che ancora una volta la loro forma ricorda vagamente quella delle monete.

3. Feuerzangenbowle – Come si dà inizio al nuovo anno in Germania? Non solo ci si traveste alle feste di Capodanno, si beve anche il Feuerzangenbowle, ovvero una bevanda alcolica che da sempre viene considerata simbolo di fraternità. Di cosa si tratta? Di un mix di vino, rum, cannella, arancia e chiodi di garofano.

4. Chicchi d'uva – In Spagna la tradizione vuole che prima dell'arrivo della mezzanotte si mangino 12 chicchi d'uva, uno per ogni secondo che precede il nuovo anno. Il motivo? Riuscirebbero ad assicurare grande felicità.

5. Marzapane fresco a forma di porcellini – Si chiama "Marzipanschwein" o "Glücksschwein" ed è del marzapane fresco trasformato in piccoli porcellini. Si tratta di un'usanza tipica di Austria e Germania, dove a Capodanno accanto a un punch a base di vino rosso si mangiano questi dolcetti originali, un simbolo di buon augurio e di prosperità.

6. Noodles – In Giappone il cibo tipico del Capodanno sono i noodles, degli spaghetti in grano saraceno che fin dal 17esimo secolo vengono considerati un simbolo di longevità. Si mangiano allo scoccare della mezzanotte, così da dare addio all'anno passato e dare il benvenuto a quello che verrà con la giusta positività.

7. Aringhe in salamoia – In Polonia e Scandinavia al cenone della notte di San Silvestro non possono mancare le aringhe in salamoia, solitamente condite con aceto, cipolle e sottaceti. Perché portano bene? Riuscirebbero ad assicurare un anno di prosperità e generosità.

8. Oliebollen – L'oliebollen è un prodotto tipico dei Paesi Bassi e viene consumato nell'ultimo giorno dell'anno mentre si passeggia in strada in forma di buon augurio. Si tratta di una sorta di ciambella con ribes e uvetta, viene fritta e spolverata con un pizzico di zucchero a velo.