Gemma Fraser è una donna di 35 anni, viene da Edimburgo ed è mamma della piccola Orla, una bimba di 2 anni. Qualche tempo fa fa si è ritrovata di fronte una scena agghiacciante: aveva lasciato la figlia di pochi mesi a giocare quando l'ha sentita improvvisamente piangere e urlare. Quando è arrivata in suo soccorso, è rimasta scioccata nel vedere che una ciocca dei suoi capelli biondi le si era attorcigliata intorno al dito del piede, facendolo gonfiare e diventare rosso fuoco poiché interrompeva la circolazione proprio come un laccio emostatico.

"All'inizio pensavo che fosse una reazione allergica, quando ho guardato meglio, ho visto che erano dei capelli attorcigliati. Orla urlava per il dolore", ha spiegato la mamma. Ha subito chiamato un paramedico per evitare che la situazione diventasse preoccupante ed è proprio in quel momento che le hanno detto che la piccola aveva la cosiddetta "sindrome del laccio emostatico". Si tratta di un problema che colpisce i bambini piccoli nel periodo in cui le mamme perdono capelli in seguito alla gravidanza e può provocare anche l'amputazione di alcune dita. Anche se alcuni capelli sono stati rimossi subito dal piede di Orla, è stato necessario un delicato intervento chirurgico per eliminarli completamente.

La piccola è stata infatti portata al Royal Hospital for Sick Children e, dopo essere stata sottoposta a una cura antibiotica intensa, è stato scoperto che c'erano ancora dei capelli che impedivano una corretta circolazione che necessitavano un'operazione. Gemma ha intenzione di condividere la storia per evitare che altri genitori si ritrovino di fronte a delle scene simili: la cosiddetta "sindrome del laccio emostatico" è pericolosissima e rischia di far perdere ai bambini parte delle loro dita o di provocare delle terribili infezioni.