A tutti sarà capitato di interagire con un bambino e di rimanere commosso ed emozionato di fronte ad un suo sorriso dolce. Vi siete mai chiesti per quale motivo i bambini ci guardano e fanno improvvisamente esplodere la loro felicità in quel modo così tenero ed ingenuo? Non è per esprimere simpatia, felicità o affetto. I piccoli utilizzano un sorriso per raggiungere un obiettivo ben preciso, cioè far sorridere insieme a loro la persona che hanno di fronte.

A dimostrarlo è una ricerca condotta presso l'università di San Diego e pubblicata sulla rivista PLoS One. Sono state registrate le interazioni tra 13 coppie di madri e bambini di meno di 4 mesi e in tutti i casi si è data conferma ad una realtà che i genitori avevano sempre sospettato. Quando i bambini sorridono vogliono ottenere la stessa reazione dalla persona con cui interagiscono e per riuscire in questa loro "impresa" utilizzano delle sofisticate tempistiche, come dei veri e propri comici. In questo modo, massimizzano la risposta del genitore che, a quel punto, sarà così emozionato da assecondare ogni sua richiesta.

Non è possibile determinare se i bambini sono consapevoli di essere così persuasivi, ma certo è che anche nei primi 4 mesi di vita si prefissano degli obiettivi nel momento in cui comunicano con gli altri. In breve, i neonati, anche se non riescono ancora a parlare, utilizzano tutta la loro astuzia per “ingannare” efficacemente i loro genitori così da portarli a fare esattamente ciò che vogliono. Gli basta un semplice sorriso dolce per trasformare in realtà ogni loro desiderio.