I bambini sono degli esseri meravigliosi e potrebbero insegnare tanto agli adulti. Sono sinceri, solari, positivi e non hanno paura di dire quello che pensano, tutte qualità che con l’avanzare dell’età tendono a scomparire. Incredibilmente, però, sarebbero capaci anche di capire quando una persona sta mentendo.

Uno studio condotto presso l’University of York ha dimostrato che fin da piccolissimi i bimbi sono in grado di riconoscere un sorriso genuino da uno falso, fatto solo per apparenza. In quest’ultimo caso, non ci pensano due volte su a discriminare e ignorare chi hanno di fronte. In particolare, sono state analizzate le reazioni che 168 bambini tra i 2 e i 5 anni hanno avuto davanti a una serie di volti e i risultati sono stati chiari. Tutti preferivano coloro che sorridevano in modo naturale piuttosto che forzato e il motivo è molto semplice: riuscivano a comunicare sincerità. E’ chiaro dunque che i bambini non solo riescono a riconoscere un comportamento prosociale ma che possono anche discriminare gli individui in base al loro atteggiamento.

La cosa funziona però solo fino al raggiungimento dei 5 anni, a quell’età il piccolo diventa più consapevole e si aspetta che i sorrisi ricevuti siano tutti genuini. Lo studio ha dimostrato che fin dalle prime fasi dello sviluppo una persona è capace di riconoscere le possibili reazioni della persona che ha di fronte servendosi del linguaggio del corpo. La prossima volta che vorrete capire se qualcuno è falso da una sincero, non vi resta dunque che far giudicare ad un bambino il suo sorriso.