Per la Royal Family gli ultimi giorni dell'estate non sono così gioiosi e spensierati come si potrebbe pensare, coincidono con un terribile anniversario, quello della morte della principessa Diana, che ha perso la vita a Parigi il 31 agosto del 1997. Anche se oggi i figli hanno accettato la tragedia, trovando il modo di essere felici e di andare avanti, all'inizio per loro non è stato semplice affrontare un evento tanto drammatico come la perdita della mamma. A pagarne maggiormente le conseguenze è stato il più piccolo, il principe Harry, che all'epoca aveva solo 13 anni. A salvarlo dal baratro in cui stava per cadere è stato il fratello William, che lo ha aiutato a trovare delle nuove ragioni di vita.

I momenti difficili dopo la morte di Lady Diana

Perdere la mamma è uno degli eventi più spiacevoli che una persona possa affrontare nella propria vita e, quando una cosa simile avviene prematuramente, è ancora più difficile da accettare. Lo sanno bene i principi William ed Harry che, oltre ad aver dovuto dire addio alla madre Diana quando ancora non avevano raggiunto i 18 anni, sono stati costretti anche a "mascherare" il loro dolore per apparire sempre impeccabili di fronte i riflettori. Solo di recente, grazie all'amore della famiglia, Harry ha ammesso di aver superato al 100% quel momento difficile ma per anni ha combattuto contro depressione e attacchi di panico. Il secondogenito del principe Carlo, tra scandali, feste folli ed eccessi, stava per cadere nel baratro ma a salvarlo è intervenuto il fratello William, che lo ha convinto a chiedere aiuto a uno psicologo. Da quel momento in poi tutto è cambiato. Harry ha trovato una valvola di sfogo nella boxe, è riuscito a esprimere il suo dolore e finalmente ha trovato l'amore in Meghan Markle. Quel principe scapestrato che non perdeva occasione per dare scandalo è solo un lontano ricordo, oggi è un marito e un papà amorevole, nonché un uomo tutto d'un pezzo che ogni donna sogna di avere al suo fianco.