Gli uomini lavorano davvero per tutte le ore che dicono? Sembrerebbe di no. Un terzo di loro afferma di lavorare 80 ore alla settimana, ma in realtà arrivano solo a 50-60 ore. Uno studio statunitense pubblicato sul New York Times ha infatti dimostrato che i lavoratori di sesso maschile utilizzano diverse strategie per vedere gli amici e per dedicarsi ad altre attività durante le ore lavorative senza che il capo se ne accorga.

Con questa ricerca ci si aspettava che i lavoratori ideali mettessero i loro clienti al di sopra di tutto, anche della propria famiglia, ma invece i risultati sono stati incredibili. Il 31% degli intervistati sembra perfetto sul posto di lavoro, ma non lo è realmente. Di solito dice di andare a degli incontri con i clienti, si copre a vicenda con i colleghi, sa esattamente come raggiungere i propri obiettivi lavorativi e soprattutto si rende reperibili 24 ore su 24. E’ proprio in questo modo che dà l’idea di lavorare davvero e di utilizzare tutte le forze per soddisfare i clienti.

Nessuno infatti sospetterebbe mai di lavoratori del genere e, nonostante le innumerevoli distrazioni, sono proprio loro ad ottenere gli stipendi più alti. Le donne solitamente chiedono senza troppi giri di parole quando hanno bisogno di un permesso o di un giorno di ferie, ma questa loro sincerità gli causa dei guadagni inferiori e soprattutto un minor numero di promozioni. E’ proprio per questo che i ricercatori stessi gli consigliano di utilizzare la stessa tecnica degli uomini, solo in questo modo riusciranno ad andare avanti nel mondo del lavoro e a tenere testa al sesso maschile.