7 CONDIVISIONI

Gap chiuderà tutti i negozi nel Regno Unito e in Irlanda: cosa succederà in Italia

Il colosso della moda low cost Gap è nato nel 1969, a San Francisco, e per anni è stato il simbolo della moda americana, rilassata e accessibile. Da anni però le cose sono cambiate e la pandemia ha dato il colpo di grazia alle vendite. Ora l’azienda ha confermato le voci di chiusura: continuerà a esistere, ma solo online.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Beatrice Manca
7 CONDIVISIONI
Immagine

Le voci si susseguivano da tempo, ma ora è ufficiale: il colosso dello shopping low cost Gap ha confermato che chiuderà tutti i suoi 81 negozi tra Regno Unito e Irlanda, e continuerà a esistere solamente nella versione e-commerce. La Bbc riporta che la catena sta cercando una simile soluzione anche per la Francia e per l'Italia, ma per ora senza date né indicazioni ufficiali. Per i negozi oltremanica, invece, si procederà a tappe: alla fine di settembre 2021 i clienti potranno fare shopping solo online.

Gap chiuderà i negozi in Italia?

L'azienda ha confermato che in Inghilterra e Irlanda ha organizzato una chiusura "per fasi": prima, a luglio, i 19 negozi le cui licenze stanno per scadere. Poi, tra agosto e settembre, il resto. La decisione, spiega un portavoce di Gap alla Bbc, fa parte di una revisione della strategia di marketing in Europa: non è chiaro quanti lavoratori saranno coinvolti e soprattutto resta ancora da capire cosa succederà per i punti vendita in Francia e in Italia. Per il momento non è stata annunciata alcuna chiusura nel nostro Paese, ma è solo questione di tempo: Gap ha parlato di una "fase di discussione" con un partner per la potenziale acquisizione di tutti i negozi italiani.

Il successo e il declino di Gap

Gap è nato oltre mezzo secolo fa, nel 1969, a San Francisco, da Donald e Doris Fisher: durante la Summer Of Love la coppia ebbe l'idea di aprire negozi di abbigliamento accessibile per i più giovani. Il nome Gap fa riferimento proprio al gap generazionale. Da allora, Gap si è imposto per il suo abbigliamento semplice e pratico: le t-shirt, le celebri felpe con il cappuccio, i jeans cinque tasche. Nel 1987 è arrivato in Europa, aprendo il primo store nel Regno Unito: per anni, girare con una felpa gap significa essere globe-trotter, cool e alla moda. Poi però il mercato è cambiato e Gap ha faticato a tenere il passo e ad attrarre nuovi clienti. Il colpo finale, come per molti altri brand, è arrivato con la pandemia e la chiusura prolungata dei punti vendita. Il boom delle vendite online ha spinto l'azienda a rivedere la propria strategia, risparmiando sui negozi fisici e puntando tutto sull'e-commerce. In qualche modo, per chi è cresciuto con Friends e con le serie tv americane, è la fine di un'era.

Immagine
7 CONDIVISIONI
Magliette da 200 euro in cestoni di plastica: il negozio provocazione di Yeezy Gap e Balenciaga
Magliette da 200 euro in cestoni di plastica: il negozio provocazione di Yeezy Gap e Balenciaga
Come re Carlo III sta influenzando l'interior design nel Regno Unito
Come re Carlo III sta influenzando l'interior design nel Regno Unito
Nel Regno Unito tornano le cabine telefoniche rosse: così salvano vite umane
Nel Regno Unito tornano le cabine telefoniche rosse: così salvano vite umane
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views