Esther Honig è un giornalista freelance di Kansas City che ha inviato una foto con il suo volto struccato in primo piano a 25 maghi di Photoshop in tutto il mondo ed a chiesto loro "Make me beautiful" (Fatemi diventare bella). L'intento di Esther era quello di mostrare come può cambiare da paese a paese il concetto di bellezza. Dopo aver ricevuto le foto modificate al computer la giornalista ha realizzato il progetto "Before & After" composto da una serie di foto in cui appare il suo volto ritoccato dagli esperiti di Photoshop di 25 nazioni differenti. In ogni immagine appare il gusto di un determinato paese, ogni "quadro" mostra la differenza tra le culture.

L'originale idea è venuta in mente ad Esther quando lavorava come social media manager in una piccola startup americana. Il suo capo le mostrò Fiverr, un sito dove chiunque può contattare liberi professionisti di tutto il mondo che mettono a disposizione diverse capacità e competenze. Durante la navigazione del sito, la Honig ha notato che la maggior parte degli utenti del sito mettevano a disposizione le proprie capacità di fotoritocco con Potoshop. La giornalista ha dunque iniziato a pensare che ogni individuo probabilmente aveva una preferenza estetica legata alla cultura di appartenenza. Così è nata l'idea alla base del suo progetto fotografico.

Senza dubbio il lavoro di esperti provenienti da pesi diversi avrebbe prodotto dei risultati diversi, ma la Honig si è stupita osservando le fotografie che le erano state inviate: le modifiche apportate con Photoshop erano estremamente diverse tra loro. Si è resa conto che la cultura del singolo paese aveva un ruolo rilevante nel concetto di bellezza e che tale concetto era molto diverso tra pese e paese. Le immagini raccolte fin ora nel progetto sono interessanti soprattutto se viste nella loro totalità sia perchè dimostrano che il concetto di bellezza è spesso irragiungibile sia perchè resta un qualcosa di aleatorio, un'illusione che spesso non è reale.