A volte la vita ti mette davanti degli ostacoli difficili da affrontare: è il caso di Turia Pitt, ex modella australiana e tre anni fa la sua vita è cambiata completamente. Mentre correva una maratona di 100 km nelle campagne circostanti la città di Kimberly, in Sudafrica, è incappata in un incendio improvviso e ha quasi perso la vita.

Turia si è salvata, ma il suo corpo ha subito ustioni gravi che l'hanno ricoperta per il 65% : ha perso tutte le dita della mano destra, ma è sopravvissuta grazie a 100 interventi chirurgici e più di 800 giorni in ospedale. Nonostante un ostacolo così difficile da affrontare e una nuova vita da cominciare, Turia non si è persa d'animo e si è reinventata. Lasciate le passerelle e le gare sportive è diventata una mutilatrice, trasformando la sua terribile esperienza in un nuovo punto di partenza per aiutare gli altri.

Grazie ai suoi discorsi infatti, è riuscita ad aiutare molte persone in difficoltà: il suo lavoro non è stato vano e lo scorso Giugno è stata immortalata per una copertina sul Women’s Weekly in occasione del premio annuale Women of the Future scholarship.  Ad aiutarla nel suo percorso, oltre alla sua enorme forza di volontà, è stato il suo compagno che non l'ha mai abbandonata neanche per un minuto. Per stare al suo fianco e aiutarla nei trattamenti riabilitatiti si è addirittura licenziato dal lavoro: qualche giorno fa in un'intervista per la CNN gli è stato chiesto se non avesse mai pensato di lasciarla o di assumere un'infermiera per prendersi cura dei lei, e la risposta è stata strabiliante: "È come se avessi sposato la sua anima, lei è l'unica donna che continua a realizzare i miei sogni" ha raccontato Michael Hoskin.