Diventare genitori è una delle esperienze più forti ed emozionati che si possano provare nella vita e, nonostante i figli riempiano le proprie giornate d'amore, la verità è che si comincia a essere realmente felici solo quando questi ultimi diventano indipendenti. A dimostrarlo è stato un recente studio tedesco, secondo il quale il reale benessere mentale ed emotivo delle mamme e dei papà arriverebbe solo quando la prole si trasferisce e abbandona casa.

Quando non sono indipendenti i figli sono fonte di stress

Secondo uno studio condotto presso l'Università tedesca di Heidelberg, avere dei figli renderebbe le persone più felici, anche se questo stato di benessere viene raggiunto solo quando la prole abbandona il proprio "nido" e si trasferisce. In particolare, sono state condotte delle analisi su 55.000 uomini e donne dai 50 anni in su provenienti da 16 paesi europei differenti e i risultati sono stati chiari: quelli che erano genitori erano più felici, a patto che i figli avessero già abbandonato casa. Il motivo per cui avviene una cosa simile? Solitamente, visto che limitano le disponibilità economiche e la quantità di tempo libero, i figli vengono associati al concetto di stress. Quando diventano indipendenti e si trasferiscono, però, si trasformano in fonti di socialità positiva poiché non solo permettono di combattere la solitudine ma forniscono anche un importante aiuto in caso di imprevisti. Essere mamme e papà, dunque, sarebbe meraviglioso quando si invecchia, anche se è innegabile che vedere un figlio crescere tra le mura di casa sia una delle esperienze più belle che si possano sperimentare.