28 CONDIVISIONI

Erotic Pink: quando il design seduce

Sexy, morbida, matura e ironica. E’ questa la donna protagonista del progetto Erotic Pink, di Alessandra Rosati e Pamela Salvato. Al grido di “l’ironia è sexy” e con immagini che richiamano la pop-art ma intrise di femminilità, hanno dato vita alla loro prima collezione di arredo. Le abbiamo intervistate per conoscerle meglio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Daniela Seclì
28 CONDIVISIONI

Immagine

Il design può essere sexy? Decisamente sì. Alessandra Rosati (fotografa) e Pamela Salvato (art director), in arte Le Pink, ne sono la dimostrazione vivente. Con il loro progetto Erotic Pink danno voce alla sensualità femminile, senza scadere nel volgare. La loro è una donna sexy, matura e soprattutto ironica. Le loro creazioni fotografiche sono state talmente apprezzate da ispirare delle collaborazioni che hanno dato vita ad un nuovo concetto di arredo, in grado di esprimere colore, ironia e sensualità. Ma il marchio Erotic Pink contribuisce ad impreziosire anche oggetti appartenenti alla vita di tutti i giorni come cover per il cellulare, cravatte in pura seta con taschino porta condom integrato, oltre a pashmine e foulards resi unici dalle immagini create da Le Pink. Abbiamo incontrato le creatrici del progetto per conoscerle meglio e scoprire cosa bolle in pentola per questo marchio che, diffondendo un nuovo modo di guardare al femminile, sta seducendo il mondo del design.

DS: Come vi siete conosciute e com’è nata l’idea del progetto Erotic Pink?

Ci siamo conosciute circa 15 anni fa, dando vita ad un rapporto lavorativo estremamente creativo, realizzando campagne pubblicitarie per importanti aziende nazionali e internazionali. Questa avventura è nata da un nostro puro istinto creativo e, con grande passione, abbiamo iniziato a creare una collezione di opere fotografiche che interpretano l’eros in modo ironico e femminile.

DS: Un progetto presentato prima all’estero e poi in Italia. Come mai?

Perché Erotic Pink è un marchio Made in Italy, ma parla con un linguaggio internazionale. La mostra Art Basel Miami è stata la prima opportunità per osservare le reazioni delle persone di fronte al nostro brand. E’ stato un punto di partenza davvero eclatante e di grande successo. Il pubblico ha risposto subito con grande affluenza e approvazione…e spesso con un sorriso!

DS: Uno dei vostri scopi è quello di riscoprire l’erotismo con ironia, senza tabù e senza spaventarsi davanti alla sensualità. Credete che nel 2012 esistano ancora dei tabù intorno all’espressione della femminilità?

Sì, sicuramente ci sono ancora un po’ di tabù e l’arte è uno dei mezzi migliori per divulgare un concetto come il nostro.

DS: Da cosa traete ispirazione per le vostre foto?

Le nostre opere fotografiche sono il frutto di un istinto creativo, di un richiamo alla personalità delle creatici, cioè noi Le Pink, e soprattutto hanno tutte un fil rouge che è l’ironia!

DS: Non è un caso infatti che il vostro motto sia “l’ironia è sexy”. Dunque la sensualità non è solo una questione di misure?

Assolutamente no, le misure non hanno nessuna importanza per noi, infatti nelle nostre opere fotografiche oltre a interpretare belle donne abbiamo rappresentato una donna matura o addirittura noi stesse, questo proprio per testimoniare che anche le donne che non rispecchiano i canoni voluti dalla moda hanno la propria sensualità da trasmettere.

DS: Il colore rosa è imperante sia nel vostro nome d’arte che nelle vostre opere. E’ forse un modo più soft di intendere l’erotismo convenzionalmente associato al colore rosso?

Il colore rosa è la firma che determina per noi la visione al femminile, è la gioia di vivere con stile, uno stile delicato, divertente e coinvolgente…nulla da togliere al rosso, ma noi siamo PINK!

Immagine

DS: Al salone del mobile 2012 siete state il simbolo di come il design possa essere decisamente sexy. Ad esempio, avete creato dei seni che diventano comodissime sedute. Spiegateci come è nata questa idea.

E' nata dalla nostra collaborazione con un designer, Giuseppe Iavicoli, aka Beppe Treccia, ed insieme è stato interpretare il pouf “A’Zizz” personalizzato con le nostre opere fotografiche.

DS: Un’altra vostra originalissima creazione è la testiera del letto dove è rappresentato un seno abbondante. Un inno alle forme generose ed accoglienti, in barba a chi è ossessionata dalle diete?

Certo, da buone italiane, le forme generose ci rappresentano. Ci piacciono le forme morbide.

DS: Una delle vostre opere più celebri è Yes Vegetarian. Vi va di parlarcene?

Yes Vegetarian, la dieta che non ti aspettavi. E’ una foto realizzata in uno dei nostri viaggi a Miami. Ci siamo trovate in un meraviglioso supermercato di prodotti bio e ispirate abbiamo interpretato con il nostro linguaggio questa foto che è stata molto gradita da chi ci segue.

DS: Cosa bolle in pentola per il futuro del progetto Erotic Pink?

Siamo un vero e proprio caleidoscopio di idee che fanno di Erotic Pink un progetto applicabile a molti prodotti e presto ci saranno delle nuove grandi sorprese!

Foto Gallery per gentile concessione di: Alessandra Rosati e Pamela Salvato

28 CONDIVISIONI
I trend di design più cool del 2024, dal total pink agli arredi in legno
I trend di design più cool del 2024, dal total pink agli arredi in legno
Il primo museo di design su una nave da crociera
Il primo museo di design su una nave da crociera
I tailleur total pink per l'autunno 2021
I tailleur total pink per l'autunno 2021
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni