Catrin Pugh è una ragazza di 22 anni, viene da Rossett, nel Galles, e la sua storia è assurda. Nel 2013, è miracolosamente sopravvissuta a un incidente mentre stava tornando da una vacanza sulle Alpi. L’autobus in cui viaggiava ha preso fuoco, uccidendo decine di passeggeri e ferendone molti altri. Una volta estratta dalle macerie, i medici le davano pochissime possibilità.

Aveva il 96% del corpo ustionato, è stata in coma per tre mesi, ha subito 200 operazioni chirurgiche ma, nonostante ciò, ce l’ha fatta e oggi sta tentando lentamente di riprendere la sua vita. “Mi ricordo di essermi sentita sopraffatta dalle fiamme, intorpidita, le mie terminazioni nervose si stavano bruciando. Era come una scena di un film horror”, ha spiegato Catrin, ancora provata da quella terribile esperienza che le ha cambiato la vita. Quando si è risvegliata dal coma è stato difficilissimo adattarsi alla "nuova realtà". Ha dovuto imparare a camminare di nuovo, ha lottato contro lo stress post-traumatico e ancora oggi non riesce a usare bene le mani a causa delle ferite riportate ma la cosa più terribile è stata perdere quasi completamente la vista.

Catrin ha il nervo ottico danneggiato e non riesce a riconoscere le cose e le persone davanti a lei, a meno che non si trovino a pochissima distanza. Anche se il drammatico incidente l'ha cambiata per sempre, costringendola a dire addio a molte cose che faceva in passato nella sua quotidianità, l'ha resa molto più forte e coraggiosa. Sono molti coloro che non possono fare a meno di considerarla un modello di ispirazione.