Foto ceduta dalla figlia al blog Orleans Hub
in foto: Foto ceduta dalla figlia al blog Orleans Hub

Per 60 anni, Ed e Floreen Hale sono stati inseparabili. Il 7 febbraio, Floreen è morta in un ospedale di Batavia, vicino New York. Aveva 82 anni. Suo marito, anche lui gravemente malato e costretto su una sedia a rotelle, le ha tenuto la mano fino all'ultimo respiro. Solo 36 ore dopo il decesso di Floreen, l'uomo ha chiuso gli occhi e non si è più risvegliato. Renee Hirsh, figlia della coppia, ha dichiarato al blog Orlean Hub:

"Mio padre è stato un gentiluomo fino alla fine, aspettando che lei se ne andasse per prima"

Il mese scorso, il signor Hale è stato trasportato nell'ospedale di Rochester per una crisi renale. Il 4 febbraio, sua moglie è stata ricoverata nell'ospedale di Batavia per una crisi cardiaca. L'83enne era troppo debole e le sue condizioni non gli permettevano di raggiungere la compagna ormai in fin di vita. In più, versava in stato di semincoscienza. Due giorni dopo il ricovero di Floreen, però, si è svegliato e ha detto alla figlia: "Ho bisogno di vedere tua madre". Dopo una serie di negoziazioni, i due ospedali  hanno collaborato per riunire i due sposi. Sembrava già un miracolo che Ed avesse raggiunto vivo l'ospedale di Batavia. Lì è stata allestita una camera per la coppia, avvicinando i due letti in modo che i coniugi potessero condividere gli ultimi momenti del loro viaggio terreno.

La loro storia d'amore è iniziata più di 60 anni fa, quando Ed e Floreen si sono incontrati ad una festa. Come prevedevano le usanze del tempo, Ed chiese la mano di Floreen ai suoi genitori, ma loro gliela negarono. In quegli anni, infatti, la donna si stava appena riprendendo dopo un terribile incidente stradale in cui era morto il suo primo marito, sposato solo tre mesi prima. L'uomo, però, non si arrese e disse ai futuri suoceri che era disposto a prendersi cura di lei per il resto della sua vita. Riuscì a convincerli e il 12 maggio del 1953 la sposò.

Con quella donna dal grande senso dell'umorismo ha avuto tre figli: Renee, Ricky e un bimbo che morì quando era ancora piccolo. Per l'intera durata del loro matrimonio, Ed ha coccolato Floreen con piccoli gesti d'affetto. Negli anni in cui lei lavorava al centralino di un ospedale, le portava ogni giorno il pranzo. Non mancavano mai regalini o fiori. I parenti lo chiamavano "Santo Edward" perché l'uomo dedicava ogni gesto alla sua Floreen. Ad esempio, quando nevicava si alzava per tempo, per rimuovere la neve accumulatasi sull'auto della moglie e poi ne riscaldava l'interno per essere certo che lei non sentisse freddo mentre si recava a lavoro.

5 anni fa, a Ed è stata diagnosticata una malattia ai reni, che ha reso necessaria la dialisi. Aveva il diabete e frequenti attacchi di cuore, ma mai, nemmeno un solo giorno, ha dimenticato di portare fuori la moglie. Spesso gli amici della coppia stuzzicavano la donna chiedendole cosa avrebbe fatto dopo la morte del marito. Floreen rispondeva che non gli avrebbe mai dato il permesso di andarsene prima di lei e così è stato. Una nipote ha dichiarato:

"Penso che sarebbe stato più struggente vedere uno di loro vivere senza la presenza dell'altro. Penso sia stato bellissimo il modo in cui le cose sono andate"

La vigilia di San Valentino si è tenuto il funerale di entrambi.