Siamo sempre stati abituati a pensare che le donne di oggi fossero libere ed emancipate e che preferissero puntare tutto sulla carriera piuttosto che su un uomo con cui mettere su famiglia, ma la verità è ben diversa. Se cominciano a pensare alla maternità sempre più tardi non è perché intendono soddisfare prima di tutto il loro desiderio di realizzarsi dal punto di vista professionale, ma perché vogliono aspettare di incontrare il papà perfetto.

A dimostrarlo, un sondaggio condotto dalla dottoressa dell’University di Leicester, Kylie Baldwin, che ha chiesto un gruppo di donne per quale motivo avessero scelto di non avere figli e di congelare i loro ovuli alla soglia dei 40 anni. Il risultato è stato molto chiaro: nella maggior parte dei casi, tutte hanno spiegato che è difficile trovare il partner giusto che riesca a dimostrare di essere anche un buon padre. Il desiderio di fare carriera sarebbe dunque solo un “ripiego” per compensare la delusione provata quando non si riesce a trovare l’uomo adatto.

Il congelamento degli ovuli è stato introdotto per dare ai malati di cancro la possibilità di avere bambini anche dopo aver sconfitto la malattia, ma sta diventando sempre più comune anche tra le donne in salute, tanto che dal 2013 ad oggi sono aumentate del 25% quelle che hanno ricorso a un metodo simile per avere figli anche in età avanzata. Insomma, pare proprio che è sbagliato credere che le donne di oggi pensino solo al lavoro: la verità è che non vogliono mettere al mondo un bambino senza un padre che sia capace di ricoprire al meglio il suo ruolo di genitore.