Vi è mai capitato di vedere l'adesivo "Bimbo a bordo" sul finestrino di un'auto? Sono molti i genitori che cominciano a usarlo poco dopo la nascita del figlio ma solo in pochi conoscono qual è il suo vero scopo. A dispetto di quanto si potrebbe pensare, non si tratta di un segnale utile ad avvertire gli automobilisti che sono al proprio fianco di andare lentamente perché si sta viaggiando con un bambino, il suo significato è ben diverso: ecco qual è.

Perché bisogna usare l'adesivo "Bimbo a bordo" in auto?

Sono molti i genitori che, nel momento in cui accolgono nella loro famiglia un bambino, cominciano a usare l'adesivo "Bimbo a bordo" nella loro auto ma in pochi sanno con precisione il motivo per cui è nato e viene utilizzato. Non si tratta di un simbolo di buon augurio, né tanto meno di un avvertimento per gli automobilisti che camminano al proprio fianco, quanto piuttosto di una segnalazione per i soccorritori in caso di incidente stradale. Con la scritta "Bimbo a bordo" attaccata al finestrino si comunica che in quel veicolo c'è una persona che non è in grado di badare a se stessa o di slacciarsi la cintura di sicurezza nel caso in cui fosse rimasta incolume e che di conseguenza necessita l'intervento di qualcuno per sopravvivere. L'adesivo è nato per la prima volta nel 1984 e in un solo mese ha visto un vero e proprio boom di richieste, tanto da aver registrato più di 10.000 vendite. Certo, oggi non tutti ne conoscono il vero significato ma è bene avvertire anche gli altri guidatori della presenza di un bambino in auto. In quanti cominceranno a utilizzarlo dopo aver capito che è qualcosa di utilissimo per la vita del proprio piccolo?