Sophie Serrano ha 40 anni, viene da Grasse, in Francia, e qualche tempo fa la sua storia ha fatto il giro del web. Ha scoperto che la figlia che ha allevato fin dall’infanzia, Manon, non era la sua ma era stata scambiata da un’infermiera ubriaca. A rivelarlo, un test del Dna che non ha lasciato alcun dubbio e che ha confermato quello che la mamma aveva sempre pensato. Aveva sempre notato che la ragazza aveva una pelle troppo scura per essere sua figlia.

Nonostante sappia chi è sua figlia biologica ed abbia incontrato sia lei che i genitori adottivi, si rifiuta di rivederla e di avere ogni tipo di rapporto con lei. “Dopo quell’incontro è stato difficile tornare alla vita normale. E’ per questo che non ci vedremo mai più”, ha spiegato Sophie, che ha così dato una motivazione alla sua scelta di non avere nulla a che fare con la figlia biologica. Questo “scambio d’identità” ha portato non pochi problemi alla 21enne Manon, che ha scoperto la cosa a soli 9 anni. Da allora ha avuto paura che i genitori biologici potessero allontanarla dalla famiglia con cui era sempre cresciuta, anche se le ha fatto piacere incontrare Mélanie, la ragazza con cui era stata scambiata.

Per fortuna, Sophie considera la ragazza una figlia a tutti gli effetti e non ha intenzione di abbandonarla da un giorno all’altro. Tra loro c’è un rapporto di profondo amore e tutto si è rafforzato in seguito a questa storia della maternità. Oggi, Manon e Sophie sono più legate che mai. A rendere unica la loro famiglia è l'affetto e sono convinte di non poter provare lo stesso sentimento nei confronti di qualche sconosciuto solo perché esiste un legame di sangue.