Erica Andrews è una mamma di quattro bambini e da pochi giorni ha dato alla luce la sua quinta figlia, Silas Ambrose. A differenza dei parti precedenti, questa volta ha deciso di immortalarsi con un selfie poche ore dopo la nascita della bimbo, così da mostrare agli utenti social com’è realmente il corpo di una donna dopo il parto.

Nello scatto mette in mostra il pancione ancora gonfio e porta il bambino al seno, ma la sua espressione è chiaramente felice e soddisfatta. Nella didascalia ha poi scritto:

Questo è come appare il mio corpo 24 ore dopo il parto. Il bambino nella fascia. Pelle a pelle. Pannolini per adulti. E un bagliore roseo. Il mio corpo si sente come dopo aver corso una maratona e il mio cuore è aperto dai viaggi di ieri. La nascita ci apre come un terremoto apre la terra, e io sono ancora nelle intime, fragili agonie a quella di apertura. Mi sento grezza. Emotiva. Diversa. Mi sento come se fossi sulla superficie ondulata del mare increspato sbattuta avanti e indietro tra la felicità, la gratitudine, la malinconia, e il dolore. 25 ore fa tenevo dentro di me la vita e 24 ore fa mi sono alzata e trasformata permettendo alla vita di fluire attraverso di me, nelle mie mani in attesa. Il vuoto nel mio grembo mi ha dato una pesante sensazione di scontro contro la realtà, ma poi i piccoli vagiti di questa nuova vita, che fruga morbidamente alla ricerca del seno, mi fanno sentire di nuovo piena. Sto ancora elaborando la bella transizione attraverso cui tutta la mia famiglia ha viaggiato e sono completamente sbalordita dalla nostra forza come esseri umani, donne e madri. Questo tempo è semplicemente diverso da qualsiasi altro.

Il suo post è diventato virale ed ha attirato milioni di like e commenti di mamme che hanno voluto riflettere su un momento tanto delicato ed intimo come quello post-parto. L’obiettivo di Erica era quello di dimostrare che una donna non deve vergognarsi dei segni che la nascita di un bambino porta sul corpo, ma che anzi deve andarne fiera. Le cicatrici, le smagliature e i chiletti di troppo sono un simbolo di vita e portano alla memoria delle emozioni uniche che si possono provare solo in sala parto.