Il Royal Baby, il terzo figlio del principe William e Kate Middleton, è nato da qualche ora e la notizia ha già fatto il giro del mondo. L'annuncio è stato pubblicato sulla pagina Twitter di Kensington Palace, dove è stato dichiarato che si tratta di un maschietto di 3,8 chili, ma non è stato rivelato ancora il nome. Se i normali genitori si ispirano alle mode del momento oppure ai nomi dei propri genitori, i rappresentanti della famiglia reale devono rispettare delle precise tradizioni anche quando devono decidere come chiamare il proprio figlio. Ecco quali regole devono seguire i due nobili neogenitori.

Quali sono le regole da rispettare per il nome del terzo Royal Baby?

La Royal Family è una famiglia piena di leggende e tradizioni e anche quando bisogna scegliere il nome di un nuovo erede è necessario rifarsi alla storia. William e Kate, infatti, non sono liberi di decidere da soli come chiamare il proprio figlio, devono ispirarsi ai re e alle regine che li hanno preceduti sul trono. In alcuni casi i nomi saltano delle generazioni o vengono rielaborati per apparire più contemporanei ma derivano sempre dal passato e sono composti da più appellativi. Il primo nome deve rappresentare l'Inghilterra, la tradizione, la regalità, il secondo può essere ispirato anche ad altre culture ma deve sottintendere il proprio stato nobiliare, mentre il terzo deve essere un riferimento a un parente lontano. Il nome completo della regina Elisabetta, ad esempio, è Elizabeth Alexandra Mary ed è allo stesso tempo un'ode alla grande regina inglese Elizabeth I, un omaggio alla regina Vittoria con un adattamento del suo nome di nascita, Alexandrina, e un riferimento alla nonna materna Mary. Un altro fattore da considerare? Quanti membri viventi della famiglia reale hanno già quel determinato nome, visto che bisogna evitare di creare confusione. A questo punto, dunque, non resta che aspettare il comunicato ufficiale: come avranno chiamato il terzo figlio William e Kate?