Gloria Vanderbilt stilista, attrice ed ereditiera americana è scomparsa all'età di 95 anni. La donna che tutti ricordano per essere stata la prima a decorare un blue jeans negli anni '70, è morta il 17 giugno, a dare il triste annuncio è stato il conduttore televisivo delle CNN Anderson Cooper, figlio di Gloria che ha ricordato la madre con un servizio a lei dedicato. La ricca ereditiera americana era discendente del magnate Cornelius Vanderbilt, uno degli uomini più ricchi d'America. La sua vita piena di successi personali nasconde le sofferenze di un'infanzia segnata da un padre assente e dipendente dall'alcol e dalla battaglia legale tra sua madre e sua zia che si contendevano la sua custodia. Ereditò dal padre circa 5 milioni di dollari diventando la bambina più ricca d'America, fu poi soprannominata "la povera ricca bambina".

Gloria Vanderbilt, dalla sofferenza al successo

Gloria Vanderbilt è stata un'artista poliedrica, ricordata per la brillante carriera da stilista e attrice, è stata anche modella e infine scrittrice di un suo mémoir. Tutti la ricordano come la prima designer ad aver firmato a suo nome un paio jeans negli anni '70. Nel 1976 si affermò come fashion designer, lanciò una linea composta da jeans con la tasca destra decorata dal suo nome ricamato, mentre nella parte frontale c'era disegnato un cigno d'oro simbolo di candore. I modelli, molto stretti e aderenti, per la prima volta mettevano in evidenza le forme del corpo femminile. Il successo delle sue creazioni fu così rapido che Gloria iniziò a creare anche accessori come occhiali e profumi. Non solo designer ma anche modella, la Vanderbilt fu testimonial di diversi marchi, apparve in alcuni spot pubblicitari e importanti riviste di moda, come Vogue e Life, la scelsero per la sua bellezza disarmante. Nel 2002 L'Oreal lanciò otto fragranze di profumi con il nome di Gloria Vanderbilt. Negli ultimi anni ha fatto molto parlare di sé grazie alla sua attività di pittrice e soprattutto dopo aver firmato un romanzo a luci rosse intitolato "Obsession, an erotic tale".

Gloria Vanderbilt, un'icona di stile

Gloria aveva uno stile impeccabile ed elegante, mai eccessivo, indossava spesso abiti lunghi dal richiamo rinascimentale, nel 1968 infatti la rivista Life la definì la versione femminile di un uomo del Rinascimento. Era una donna eclettica, proprio come i suoi look, gli abiti che indossava rispecchiavano la sua visione dell'arte e molti di questi erano decorati con i dipinti che lei stessa creava. Durante la sua vita, Gloria Vanderbilt ha conosciuto molte star, i suoi amici erano Frank Sinatra, il fotografo Gordon Parks, Marlon Brando e Truman Capote, il quale dichiarò di essersi ispirato a lei per il romanzo Colazione da Tiffany. Gloria rimarrà per sempre un'icona indimenticabile che ha segnato non solo la sua generazione ma anche quelle future, un'artista poliedrica capace di passare dalla recitazione alla moda, dalla scrittura alla pittura.