I selfie sono ormai la moda del momento, tanto che nessuno sembra resistere alla tentazione di scattarsi una foto in ogni momento della giornata, dal risveglio, fino ad arrivare all’uscita serale con gli amici. A tutto, però, c’è un limite ed è decisamente inopportuno coinvolgere anche i bambini piccoli, quelli che non sono ancora in grado di intendere e di volere, in questa tendenza social a tratti addirittura inquietante.

E’ proprio per ribellarsi ad una cosa simile che moltissimi genitori hanno messo sotto accusa il brand Sainsbury, che ha messo in vendita delle t-shirt per bambine, decorate con lo slogan “Selfie Queen”. A scatenare un vero e proprio dibattito è stata un’utente del web, conosciuta con il nickname westcountrywoman, la quale ha affermato: “Guardate questa maglia Sainsbury, è per bambine di 3 anni. Fanno sul serio? Essere una regina dei selfie è davvero desiderabile per una bambina piccola”?

In poco tempo, sono state moltissime le mamme che hanno sostenuto il pensiero della donna e che hanno definito quella t-shirt offensiva e sessista perché trasmetteva un messaggio orribile alle piccolissime, avvicinate all’ossessione per i social fin dalla tenera età. La cosa è stata definita assolutamente deprimente poiché la bellezza di una bimba non può essere misurata in base alla sua capacità di essere fotogenica nei selfie. La reazione da parte dei rappresentanti del brand non ha tardato ad arrivare ed infatti uno di loro ha dichiarato: “I bambini amano giocare con le macchine fotografiche e fare dei selfie. La t-shirt è stata progettata per essere divertente”. A quanto pare, nonostante le critiche, non hanno assolutamente intenzione di ritirare il prodotto dal mercato.