5 Giugno 2012
12:58

Donna separata? Rischi la povertà

Una recente statistica Istat sfata il falso mito secondo cui, con un divorzio in corso, sarebbero gli uomini a impoverirsi di più. Negli ultimi anni, infatti, quella femminile sembra essere la fascia più a rischio. Separandosi, sono le donne a diventare sensibilmente più povere.
A cura di Stefania Rocco

Sono sorprendenti i risultati di una recente statistica Istat che capovolge in pieno il modo di pensare comune secondo cui sarebbero gli uomini a rimetterci di più in occasioni come il divorzio. I padri separati hanno rappresentato per anni una fascia particolarmente debole in società. Sono stati tantissimi, infatti, gli uomini a denunciare la propria condizione di povertà a seguito di una separazione. Con figli a carico, le donne hanno infatti molti più diritti rispetto ai propri compagni che sono costretti a mantenerle per anni, provvedendo al contempo al mantenimento dei figli.

Ebbene, secondo l’Istat non è più così. Sono le donne, almeno negli ultimi tempi, a uscire finanziariamente distrutte dalle cause di divorzio. Con l’affidamento congiunto, i pari diritti tra uomo e donna e la dilagante precarietà professionale femminile, chi sceglie di separarsi si trova inevitabilmente convogliato in una situazione di povertà che, nel caso delle mogli, presenta numeri addirittura allarmanti. E’ ben il 20% delle donne contro il 13% degli uomini a denunciare una condizione economica particolarmente difficile, fatta di bollette perennemente in arretrato e difficoltà a pagare il mutuo o l’affitto. Il 10,4% della popolazione femminile separata, addirittura non riesce a permettersi di consumare un pasto adeguato al giorno diversamente dagli uomini nel cui caso la percentuale scende al 7%. Anche nel caso del riscaldamento dell’abitazione, i dati Istat dimostrano l’impoverimento femminile: è il 14,1% a non potersi permettere di riscaldare casa a differenza dei rispettivi ex mariti i cui dati raccolti fermano tale percentuale all’11,2%.

Il fenomeno è presto spiegato. Nonostante il piano del Governo contro la povertà, infatti, sul versante professionale le donne continuano a essere in netto svantaggio. Le lavoratrici precarie superano di gran lunga gli uomini che versano nella stessa condizione, a dimostrazione del fatto che l’Italia si dimostra ancora essere un paese che agevola soprattutto i dipendenti di sesso maschile, almeno sul fronte lavoro. La condizione di povertà, per entrambi i sessi, resta comunque preoccupante. A seguito di un divorzio, sono ben 6 su 10 le donne che vedono cambiare radicalmente e in negativo la propria condizione finanziaria. Gli uomini nella stessa situazione scendono invece a 4 su 10. Tantissimi in ogni caso. Con figli a carico, il dato subisce un altro incremento: il è il 52,9% della popolazione separata e con prole a subire condizioni peggiori contro il 37,1% di chi figli non ne ha. L’ultimo baluardo rimangono i genitori degli ex coniugi che rappresentano troppo spesso l’ultima spiaggia per chi, dopo essersi separato, non riesce a sostenere da solo le spese relative alla casa e alla famiglia e sceglie di tornare a casa dei suoi.

Ecco gli effetti della povertà sul volto di una donna
Ecco gli effetti della povertà sul volto di una donna
5.420 di WorldNews
Si stacca denti sul web per dimostrare la sua povertà
Si stacca denti sul web per dimostrare la sua povertà
2.185 di WinVideo
Saltare il ciclo con la pillola: tutti i rischi e i benefici
Saltare il ciclo con la pillola: tutti i rischi e i benefici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni