Donatella Versace è una delle stiliste che hanno preso parte alla Milano Fashion Week dedicata alla Moda Uomo e, al termine della sfilata della collezione Primavera/Estate 2020, è apparsa in passerella per salutare il pubblico. Il dettaglio che tutti hanno notato? La stilista ha cambiato look, sfoggiando un nuovo taglio di capelli fresco e sbarazzino perfetto per l'estate.

Il nuovo look di Donatella Versace

Siamo sempre stati abituati a vedere Donatella Versace biondissima e con i capelli lunghi ma nelle ultime ore ci ha "dato un taglio". Durante la sua ultima apparizione pubblica, quella al Met Gala, aveva sfoggiato una chioma lunga fin sotto le spalle con le punte verde fluo ma alla sfilata della collezione Uomo Primavera/Estate 2020 ha lasciato tutti senza parole. La stilista ha messo in mostra il nuovo look, è passata al long bob, il taglio più trendy dell'estate 2019, e ora porta i capelli poco sopra le spalle con dei ciuffi leggermente più corti che le cadono sul viso. Certo, si tratta solo di una spuntatina ma la differenza è evidente. Naturalmente non ha rinunciato al biondo platino, ormai il suo "marchio di fabbrica", apparendo più glamour che mai.

Versace presenta la collezione Uomo Primavera/Estate 2020

In occasione della Milano Fashion Week dedicata alla Moda Uomo, Versace ha presentato la collezione Primavera/Estate 2020, raccontando in passerella il percorso di crescita personale di un giovane ragazzo che, una volta raggiunta la maturità, riesce a trovare fiducia in se stesso e a giocare con la sua immagine. Tra colori audaci, stampe dai colori brillanti e nuove silhouette, la stilista ha proposto un'estetica forte, continuando a interrogarsi sul concetto di mascolinità. Se da un lato le silhouette oversize rievocano lo spirito adolescenziale, quando gli uomini sul catwalk diventano maturi sono capaci di osare con giacche doppio petto per metà nere per metà principe di Galles, stampe animalier, dettagli in lurex, lustrini, tutti elementi che rompono i tradizionali codici stilisti maschili. Non sono mancate le ispirazioni alla cultura pop degli anni '90, per la precisione ai Prodigy, la band inglese simbolo del movimento rave di quegli anni. Insomma, ancora una volta Donatella ha dimostrato che gli uomini possono sovvertire le regole in fatto di look, sfidando gli stereotipi e vantando uno stile personale e rivoluzionario.