Louise Sach è una donna di 30 anni, viene da Londra e lo scorso anno ha deciso di raccontare la sua storia sui social. E' da quando ha 8 anni che soffre di insufficienza renale cronica, un disturbo che l'ha lasciata spesso sofferente e in prenda a terribili mal di testa. Addirittura quando si è ritrovata a praticare attività fisica è svenuta con una certa frequenza. Dopo svariati controlli medici, gli specialisti le hanno comunicato che i suoi reni funzionavano solo per il 40%, percentuale che è scesa al 13% negli ultimi anni.

L'unica soluzione che aveva per guarire era il trapianto di rene. Era da anni che era in lista d'attesa per l'intervento ma nessuno risultava disponibile per aiutarla. Nel momento in cui ha condiviso un posto commovente su Facebook, la sua vita è cambiata. Le sue parole sono diventate virali e hanno attirato l'attenzione di Kayleigh Wakeling, una donna di Baldock, che, nonostante non l'avesse mai incontrata o conosciuta, si è offerta di donare il suo rene.

Oggi sono passati 7 mesi dal delicato intervento e non solo Louise sta lentamente recuperando ma ha stretto un rapporto d'amicizia profondissimo con la donna che l'ha salvata. "Da quando ci siamo conosciute ci siamo sentite una squadra, è stato incredibile", ha spiegato la 30enne. Si sentono ogni giorno e, nonostante vivano a 90 minuti di distanza l'una dall'altra, si incontrano regolarmente. Insomma, non è mai troppo tardi per incontrare la migliore amica e Louise e Kayleigh lo hanno dimostrato: oggi sono letteralmente inseparabili e non solo perché la prima porta nel suo organismo una parte dell'altra.