La danza del ventre è una disciplina che viene dall’Oriente e che negli ultimi anni si è diffusa moltissimo anche nel nostro paese. Viene considerata la danza sensuale per eccellenza, dato che i suoi movimenti riprendono gli antichi riti della fertilità e mettono in risalto la sensualità e la femminilità. Questo particolare tipo di ballo viene considerato estremamente sexy in Occidente, ma in pochi sanno che riesce ad avere anche moltissimi benefici sia fisici che psicologici.

Migliora la postura, delinea il corpo ed aumenta la fiducia in se stesse La rotazione ritmica dei fianchi, la torsione del tronco e l’oscillazione dell’addome tengono in allenamento, massaggiano e modellano le zone in cui le donne tendono ad accumulare più grasso. Inoltre, i movimenti tipici della danza del ventre influiscono positivamente sull’apparato riproduttivo, favorendo la scomparsa dei dolori mestruali. Schiena, cosce, polpacci, piedi e caviglie si rinforzano grazie alle ondulazioni, che migliorano anche l’agilità delle articolazioni.

Spesso si crede che solo le donne con un corpo statuario possano praticare questa disciplina, ma la verità è che la “pancetta” tanto odiata da ogni donna è un elemento essenziale per essere sensuali e femminili. Praticando la danza del ventre ci si riappropria della propria fisicità, tanto da cominciare ad amarla. Ballando, si prova un senso liberatorio, si riescono ad esprimere i propri sentimenti e soprattutto ci si rilassa. La danza del ventre è dunque un ottimo esercizio per raggiungere l’equilibrio psicofisico e per prendere coscienza della propria femminilità.