"Ognuno di noi ha due cuori: uno duro e uno dolce" così Ennio Capasa poco prima della sua sfilata alla Milano Fashion Week racconta la collezione donna per l'Autunno/Inverno 2016-2017 di CoSTUME NATIONAL. Durante il fashion show la sensazione è quella di ammirare capi dalle linee rigorose e schematiche, eppure estremamente femminili. I completi sono "rigidi" eppure nascondono una nota romantica, la silhouette è extra large eppure ogni outfit appare iper femminile. Non ci sono scollature, non ci sono spacchi, schiene nude e seni in mostra, eppure la donna che calca la passerella di CoSTUME NATIONAL è sensuale, è sinuosa, è capace di affascinare indossando un maxi cappotto d'isipirazione militare.

Quella pensata da Ennio Capasa per il prossimo inverno è una donna sicura e pratica. Non è una donna che compone il suo guardaroba con abiti "alla moda" da una volta e via, il suo stile si compone con pezzi senza tempo. Con lunghi cappotti dai tagli geometrici, con completi in velluto lucente, con pantaloni palazzo e stivali in pelle dalla zeppa sottile. Il nero, il blu e i colori scuri dominano, ad illuminare però l'inverno della donna CoSTUME arrivano cappotti in lurex verde scintillante, abiti impreziositi da lucenti dots, fiori stampati color indaco, camicie white e tessuti in velluto borgogna.

L'art director di CoSTUME NATIONAL crea una collezione contemporanea e di sicuro appeal, ma guarda al futuro disegnando uno stile solido ed efficace, uno stile duraturo e affascinante. Capasa sceglie di non seguire una tendenza "usa e getta", il suo intento è contrastare il fast fashion che ha cambiato il modo di pensare la moda contemporanea. La sua è una moda slow, una moda pensata e ben costruita.