Dopo mesi di studio intenso e disperato, per affrontare al meglio l'esame di Maturità, arriva il momento di pensare anche all'outfit giusto. Se per gli scritti andrà benissimo un abbigliamento sobrio, ma soprattutto comodo, come jeans e t-shirt, per la prova orale è importante scegliere il look giusto a prova di commissione. In questi casi, infatti, non è vero che l'abito non fa il monaco: anche con l'abbigliamento possiamo fare buona impressione. Ma, come vestirsi per la Maturità 2019? Non bisogna stravolgere totalmente ciò che si è, in quanto è importante trasmettere la propria personalità, ma bisogna anche stare comodi e rispettare la formalità dell'evento. Ecco alcuni consigli da seguire.

Maturità 2019: come vestirsi al colloquio orale

L'abbigliamento è sempre un biglietto da visita importante, soprattutto quando dobbiamo presentarci a persone che non conosciamo. Durante la prova orale della Maturità 2019, infatti, vi troverete davanti la commissione esterna, professori che non vi conoscono e che, oltre alla vostra preparazione, fondamentale per superare brillantemente l'esame di stato, noteranno anche il vostro look. Ricordate che dovete fare bella figura, e avete solo pochi minuti a disposizione, per questo è fondamentale fare un'impressione positiva, già prima di aprir bocca. Curare il vostro abbigliamento sarà già un primo passo per "conquistare" la commissione. Ovviamente è importante mantenere il proprio stile: se solitamente indossate jeans e maglietta, potete farlo, per non sentirvi a disagio: vi basterà semplicemente fare maggiore attenzione. Ma ecco alcuni consigli pratici da seguire

Polo o camicia? L'importante è scegliere il colore giusto

Per affrontare la prova orale potrete optare sia per una polo che per la camicia di cotone, sceglietele in bianco o comunque colori chiari o pastello, ma sono ammessi anche quadretti o fiorellini, leggeri e delicati. Per quanto riguarda la polo, meglio tenerla abbottonata fino al penultimo bottone, mentre la camicia dovrà essere ben stirata e, anche in questo caso, abbottonata senza far intravedere troppo la scollatura. Non invece a smanicati e canotte, assolutamente da evitare. L'ideale sarebbe poi indossare anche un blazer, non troppo formale però: optate per una linea destrutturata e non troppo rigida.

Jeans, pantalone o gonna? Ecco le regole da seguire

Sotto potrete abbinare un jeans dalle linee pulite, senza strappi o decorazioni vistose: optate per il classico cinque tasche. Oppure potete scegliere un pantalone in tessuto leggero e monocolore, anche ampio, così da non segnare troppo, che vi permetterà di stare comode e alla moda allo stesso tempo. Se amate indossare la gonna, sceglietela al ginocchio: potete indossare la classica a pieghe, la longuette o a ruota, tutti modelli che saranno adatti all'occasione.

Abitino sì, ma con alcune precauzioni

Anche gli abitini sono concessi all'esame di maturità: anche in questo caso non dovranno essere mai sopra il ginocchio e, riguardo alle tinte da scegliere, optate per il monocolore oppure per motivi leggeri, e non vistosi. Anche in questo caso lo stile bon ton è quello più adatto per la giornata. L'abito dovrà essere poi in tessuto naturale, per sopportare il caldo, e soprattutto non dovrà essere scollato. In ogni caso è consigliabile indossare sull'abitino un cardigan, anche di quelli corti e molto leggeri, soprattutto se il vestito è smanicato.

Le scarpe giuste? Sicuramente no ai tacchi e alle infradito

Inutile dire che anche le scarpe sono fondamentali per completare il giusto outfit per la prova orale della maturità: vanno evitati i sandali e, soprattuto, i tacchi alti. Se avete optato per il jeans, andranno benissimo anche delle semplici sneakers, altrimenti potete puntare su ballerine, stringate, mocassini o per delle slingback basse, femminili e comode. In ogni caso le scarpe dovranno essere ben tenute, qualsiasi modello decidiate di indossare.

Anche gli accessori sono concessi, ma con moderazione

Se proprio non potete rinunciare agli accessori, per la prova orale potete indossare collana e bracciale minimal e dei piccoli orecchini. Anche le perle andranno bene, ma rivisitate, magari sotto forma di earcuf per quanto riguarda gli orecchini e con perline di diverse dimensioni per i bracciali, ma sempre senza esagerare.

Curate anche make up e capelli

Oltre all'abbigliamento è importante curare anche trucco e capelli, per presentarsi al meglio davanti alla commissione. Il make up dovrà essere naturale: utilizzate toni chiari sia sugli occhi che sulle labbra, in modo da non attirare troppo l'attenzione. Anche per quel che riguarda la pettinatura, non dovrà essere elaborata: andrà benissimo una coda di cavallo, oppure potete tenerli sciolti. L'importante è che siano puliti e ben pettinati. Vestirvi bene e curare il vostro aspetto, mostrerà un'immagine di persone sicure e che sanno come dare valore a un momento importante come quello dell'esame di maturità, e sicuramente la commissione terrà conto anche di questo aspetto, oltre che della vostra preparazione, naturalmente.

Maturità 2019: quando comincia e quali sono le prove

L'esame di Maturità 2019 comincia mercoledì 19 giugno con la prima prova d'italiano che è uguale per tutti. Prosegue poi il giorno seguente, quindi giovedì 20 giugno, con la seconda prova, diversa a seconda degli indirizzi di studio, e si termina con i colloqui orali, che cominciano solitamente due giorni dopo la fine delle prove scritte. Quest'anno, non ci sarà la terza prova, il quizzone, e si passerà quindi direttamente all'orale.

La novità della maturità 2019 riguardano anche l'orale: non ci sarà più la tesina, ma sarà introdotto il sistema delle 3 buste. Il giorno della prova, sarà il commissario a sorteggiare i materiali sulla base dei quali sarà condotto il colloquio. Il candidato avrà cioè 3 buste tra le quali pescherà l’argomento-spunto da cui cominciare il colloquio. Gli argomenti saranno quelli del programma studiato durante l'anno: all'interno delle buste sarà possibile trovare poesie, quadri, articoli di giornale, grafici, tutti elementi dai quali i candidati dovranno partire pensando a eventuali collegamenti tra le diverse materie. Sarà quindi una sorta di tesina estemporanea, per questo sarà importante esercitarsi a casa.