Gli oggetti in argento che abbiamo in casa, sono spesso ricoperti di una patina nera che li fa apparire opachi: la nostra preziosa argenteria perde quindi la sua brillantezza. È possibile però far risplendere l'argento utilizzando dei rimedi naturali davvero efficaci come il bicarbonato di sodio, ma anche il succo di limone, il sale grosso, e non solo. Ecco allora come pulire l'argento annerito: tutti metodi facili ed economici che vi aiuteranno a pulirlo e farlo luccicare di nuovo.

Bicarbonato per lucidarlo e pulirlo

Il rimedio naturale più diffuso per pulire l'argenteria si realizza creando un impasto di acqua e bicarbonato da applicare con un panno di cotone direttamente sull'oggetto d'argento così che sia libero da macchie. Se, con questo metodo, vi rendete conto che ci sono ancora degli aloni, non disperate: aggiungete al composto dell'aceto per un intervento ancora più efficace. Se l'oggetto che state pulendo, ha ricami e rilievi, intingete nell'impasto di bicarbonato uno spazzolino da denti morbido e ripassate delicatamente. Se poi il vostro argento è annerito, aggiungete ad ogni litro di acqua 50 gr. di bicarbonato e fate bollire. Aspettate che si raffreddi l'acqua e immergeteci l'argenteria fino a quando il nero, dovuto all'ossidazione, non sia sparito. Risciacquate e asciugate per bene.

Sale grosso e alluminio contro l'argento annerito

Il sale grosso con l'alluminio è un metodo è ideale anche per pulire piccoli oggetti d'argento, oltre che le posate: foderate con della carta stagnola un recipiente di vetro abbastanza capiente, aggiungete una manciata di sale grosso e inserite l'argenteria da pulire. Lasciate in acqua bollente per almeno un'ora e poi asciugate bene con un panno morbido.

Succo di limone per eliminare macchie e aloni

Versate direttamente sull'oggetto di argento da lucidare del succo di limone, aggiungete 2 cucchiaini di bicarbonato: l'impasto che si creerà andrà strofinato  con un panno di cotone. Se i vostri oggetti diventeranno verdi, non preoccupatevi: è la parte ossidata che viene via. Una volta eliminate macchie e aloni sciacquate e asciugate bene. È un ottimo rimedio per l'argenteria annerita.

Acqua di cottura delle patate per togliere anche i residui di sporco

L'amido è un ottimo rimedio per la pulizia dell'argento: immergete gli oggetti da lucidare nell'acqua di cottura delle patate, precedentemente filtrata, a cui potete aggiungere nche un cucchiaio di aceto. Questo rimedio vi aiuterà ad eliminare anche qualche residuo rimasto attaccato alle vostre posate d'argento. Sempre con le patate, questa volta grattugiate, si possono strofinare le posate che vanno infine lavate ed asciugate con cura.

Dentifricio per eliminare i segni dell'ossidazione

In questo caso vi basterà ricoprire l'oggetto d'argento da pulire con del dentifricio e strofinare con un panno morbido. Dopo sciacquate e asciugate per bene. Toglierà il nero dovuto all'ossidazione. Si tratta di un metodo casalingo veloce e davvero efficace per lucidare l'argenteria di casa.

Consigli utili

  • Quando pulite l'argento utilizzate solo panni morbidi di puro cotone o microfibra per evitare di graffiare l'argenteria.
  • Indossate sempre i guanti in cotone, sia per non rovinarvi le mani, ma anche perché il sudore potrebbe rovinare i nostri oggetti in argento. Inoltre c'è il rischio di lasciare impronte.
  • Non mettete l'argento a contatto con oggetti di plastica (ad esempio portaposate) perché contengono zolfo e ossidano più velocemente l'argenteria.
  • Evitate il contatto prolungato dell'argento con cibi come uova, pomodoro e succhi di frutta, perché possono macchiare e corrodere il metallo. Laviamo quindi subito e accuratamente.
  • Per evitare che l'argenteria riposta annerisca riponetela in sacchetti di tela con un po' di canfora o avvolgete, gli oggetti d'argento, in fogli di alluminio. Da evitare la plastica che crea umidità e la carta di giornale, entrambe favoriscono l'ossidazione.