Il piano cottura va pulito ogni giorno, così da farlo durare più a lungo: se lasciamo asciugare lo sporco, infatti, diventa più difficile da eliminare. I piani di cottura sono realizzati in diversi materiali, più o meno delicati, anche se quelli più comuni sono in acciaio: ad ogni modo è importante fare attenzione a non rovinarli e graffiarli. La pulizia, ovviamente, deve riguardare anche le griglie, in ghisa o smaltate, e i fornelli. Ecco allora come pulire il piano cottura con rimedi efficaci e naturali, senza rovinarlo.

Regole generali

Prima di cominciare è importante scegliere i prodotti giusti evitando strumenti aggressivi come spughette ruvide o retine metalliche. Utilizzate solo detersivi neutri, meglio se rimedi naturali, così da trattare le superifici con delicatezza. Se avete piani cottura in acciaio o vetroceramica, non utilizzate mai la candeggina. Ma scopriamo nello specifico come pulire piani di cottura, fornelli e griglie.

Pulizia del piano cottura giornaliera

Pulite il piano cottura dopo ogni utilizzo, così da eliminare lo sporco fresco più facilmente. Passate sul piano un panno morbido imbevuto in un mix di acqua e bicarbonato, sciacquate e asciugate. Se ci sono invece delle macchie incrostate, metteteci sopra acqua e bicarbonato oppure acqua e detersivo neutro, lasciate agire per almeno 10 minuti e risciacquate con un panno morbido. Se il vostro piano è in acciaio, passate alla fine acqua e aceto per lucidarlo. Asciugate sempre bene per evitare che si formino macchie. In caso di piano di cottura in vetroceramica, quindi più delicato, pulite sempre dopo ogni utilizzo con una spugna morbida, perché le incrostazioni sono più difficili da togliere: in questi casi potrebbe servirvi un raschietto.

Pulire i fornelli con acqua e aceto bianco

Anche la pulizia dei fornelli dovrebbe essere quotidiana, ma può essere fatta anche una volta a settimana, soprattuto se non si sono sporcati particolarmente. Toglieteli e immergeteli in acqua calda e aceto per un quarto d'ora. Asciugate con un panno morbido per evitare che si formi la ruggine. In caso di parti particolarmente annerite, potete passarci sopra la paglietta, per farli risplendere subito. Pulite bene anche i fori, utilizzando uno stuzzicandenti.

Per pulire in modo efficace i coprifiamma, immergeteli per mezz'ora nell'aceto caldo, oppure strofinateli con mezzo limone e sale fino: torneranno lucidi. Se invece le manopole sono sporche di unto pulitele con uno spazzolino da denti imbevuto in acqua calda e sapone naturale.

Pulire le griglie con acqua e bicarbonato

Anche per la pulizia delle griglie, il bicarbonato è tra i rimedi più efficaci. Realizzate una soluzione con 2 cucchiai di bicarbonato per ogni bicchiere d'acqua bollente. Pulitele poi con una spugna e strofinate bene. Nel caso di incrostazioni lasciate in ammollo le griglie per almeno 20 minuti in una miscela realizzata con 1 litro di acqua calda 2 cucchiai di bicarbonato e 1 di aceto. Ritorneranno subito pulite. Alla fine vi basterà asciugarle con un panno in microfibra o di cotone.