Sul materasso trascorriamo molte ore al giorno, per questo è importante pulirlo e disinfettarlo periodicamente per garantire il massimo dell'igiene. Nel materasso infatti si annidano gli acari della polvere che possono causare reazioni allergiche, soprattutto nei soggetti sensibili: è fondamentale quindi prendersene cura nel modo giusto. Scopriamo allora come pulire il materasso e come eliminare macchie e cattivi odori utilizzando rimedi naturali, per mantenerlo pulito e igienizzato.

Come pulire il materasso per igienizzarlo a fondo

Come abbiamo già anticipato, nel materasso si annidano gli acari della polvere oltre ad altra sporcizia che si accumula con il tempo. Per questo gli esperti consigliano di cambiare il materasso ogni 10 anni ma, a prescindere da ciò è importante igienizzarlo periodicamente per liberarlo dagli acari e anche da aloni e macchie. Ecco come fare per averlo sempre pulito.

Lavate il coprimaterasso periodicamente

Prima di pulire il materasso dobbiamo occuparci delle altre componenti del letto, lavando le lenzuola ogni settimana e mettendo i cuscini all'aria per uccidere gli acari. È importante però anche lavare il comprimaterasso in lavatrice a 60° e aggiungendo al lavaggio del detersivo disinfettante. Una volta asciugato sarà buona norma stirarlo così da sterilizzarlo ulteriormente. Non dimenticate poi di pulire anche le cuciture del materasso perché anche lì si insinua la polvere che è difficili eliminare solo con l'aspirapolvere. Lavate il coprimaterasso e pulite le cuciture ogni 15 giorni.

Utilizzate l'aspirapolvere e lasciate il materasso al sole

Passare l'aspirapolvere è il modo più pratico per eliminare gli acari e la polvere dal materasso perché riesce ad eliminare anche quella più in profondità. Eliminare la polvere è la prima operazione da svolgere prima della pulizia e dell'eliminazione di eventuali macchie e cattivi odori. Prima dell'aspirapolvere, se potete, mettete il materasso all'aria aperta sbattendolo con il battipanni pulendo bene anche le parti laterali. Lasciatelo poi al sole per una giornata: in questo modo oltre a fargli prendere aria, si elimineranno i cattivi odori, soprattutto se si tratta di fumo.

Bicarbonato per disinfettarlo ed eliminare aloni e cattivi odori

Il bicarbonato di sodio è uno degli ingredienti più utili per le pulizie di casa. Aiuta a pulire e ad igienizzare il materasso ostacolando la formazione di cattivi odori e di acari. Basta spargerne un po’ direttamente sulla superficie e lasciarlo agire per un’intera giornata. Successivamente, può essere rimosso con una spazzola dalle setole dure o con una aspirapolvere per rimuovere tutti i residui Nel caso in cui gli odori siano davvero forti, lo si può lasciare ad agire più a lungo.

Quando invece sul materasso ci sono aloni e macchie leggere, basta versare un cucchiaio di bicarbonato in acqua, immergere uno straccio nel composto e strofinare la superficie sporca oppure utilizzare un vecchio spazzolino da denti per massaggiare il tessuto. In alternativa, si può usare uno spray con un composto di acqua calda e bicarbonato o di aceto e limone. È importante far asciugare bene il materasso, meglio se all'aria aperta.

Limone, aceto e acqua ossigenata per eliminare le macchie

E in caso di macchie sul materasso? In questo caso c'è bisogno di un rimedio specifico per i diversi tipi di macchia:

  • Acqua ossigenata: ottimo rimedio per eliminare le macchie di sangue. Basterà unirla all'acqua fredda tamponando e lasciando agire per un po'.
  • Sapone, aceto e limone: per eliminare le macchie di urina bisognerà utilizzare prima acqua e sapone neutro e, per eliminare il cattivo odore, passare sulla macchia un panno imbevuto con aceto e limone. Fate asciugare sempre bene l'acqua, magari aiutandovi con un phon per evitare di rovinare il materasso. Aceto e limone sono l'ideale anche per eliminare macchie di caffè o di tè: riempite un contenitore spray con mezzo bicchiere di aceto e un terzo di succo di limone e strofinate con un panno in microfibra fino alla scomparsa della macchia.

Vapore per rimuovere le incrostazioni ed igienizzarlo

Un altro rimedio casalingo per pulire il materasso è l’utilizzo del vapore, che rimuove le incrostazioni e dona lucentezza al tessuto. Il vapore elimina anche le macchie incrostate come ad esempio quelle di sangue: basterà passare il bocchettone dell'elettrodomestico a vapore sul materasso e tamponare poi la macchia con un panno in microfibra. L'alta temperatura eliminerà ogni incrostazione oltre a far risplendere il tessuto. Dopo averlo pulito ed igienizzato bisogna lasciare asciugare al sole il materasso, così da evitare la formazione di muffe. Inoltre, è importante girare il materasso periodicamente ed utilizzare un coprimaterasso per farlo resistere più a lungo.